30 dicembre 1966, nasce Bennett Miller

45
0

Quando si dice saper aspettare. Il neo-50enne Bennett Miller, newyorkese doc, -ed uno dei pochi non-credenti dichiarati ad Hollywood- dirige il suo primo cortometraggio a 38 anni, (il sorprendente The Cruise, che racconta del viaggio di tutti i giorni di un bus a NY)  e questo lo fa notare alle Majors.

Ad oggi, ha diretto solo 3 film, ma che film: il suo film d’esordio, Truman Capote – A Sangue Freddo (2005) è uno dei film più belli degli ultimi 10 anni. Esce in parallelo con Infamous, praticamente la stessa trama, ma a differenza dell’altro può contare sul genio di Phillip Seymour Hoffman (che vincerà un oscar sacrosanto) e lui stesso avrò una nomination per Miglior Regia; ci vogliono 6 anni per vedere il suo secondo film, MoneyBall – L’Arte di Vincere, (dove sostituisce la prima scelta Steven Soderbergh – forse il regista a cui somiglia di più) raro film di sport (di baseball) che non parla di muscoli ma di cervello ed esalta il talento di Brad Pitt; altri 3 dopo di quello per Foxcatcher, ancora una saga sportiva, ma cupa e meditativa con uno Steve Carell nella sua prima parte drammatica.

16 nomination agli Oscar in 3 film (quasi tutti i principali). Media pazzesca per una qualità di film notevolissima per un autore così riservato e normale che non sembra neanche appartenere al mondo di Hollywood. Due progetti quasi top secret in lavorazione, tra cui una versione di Cantico di Natale di Dickens… ennesima scelta in controtendenza!

Altre ricorrenze

  • 1942, nasce Fred Ward, attore in Il Mio Nome E’ Remo Williams e Tremors
  • 1953, esce Il Selvaggio con Marlon Brando in sella alla sua MotoGuzzi
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.