1 gennaio 1950, nasce Deepa Mehta

33
0

Regista Indiana di nascita, canadese di adozione, Deepa Mehta è un po’ l’anello di congiunzione tra il cinema di Bollywood, e la sua sconfinata produzione, non sempre di qualità, e quello di Hollwood, quasi altrettanto sconfinato e non sempre di qualità.

In realtà, oltre ad essere un regista prettamente autoriale (di certo, non commerciale), aggiunge il punto di vista femminile, che vale doppio se consideriamo come la condizione delle donne non sia esemplare nel suo paese di provenienza.

Inizia Dirigendo episodi della serie televisiva Il Giovane Indiana Jones (con il compianto River Phoenix), poi si lancia in una carriera cinematografica molto selettiva e di qualità. Tra i suoi lavori più famosi, la Trilogia degli Elementi, ovvero Fire, Earth, Water tra il 1996 e il 2005 (attendiamo la logica conclusione Air, ancora non prevista), dove parla di tematiche culturali, sociali e religiose del suo Paese di Origine, I figli della Mezzanotte (2012, tratto da Salman Rushdie) e il recente Beeba Boys, che racconta di gang di figli di indiani, canadesi di prima generazione. Unico film a non avere attori indiani, protagonisti, il romantico The Republic of Love (2012). Recentissimo il coraggioso Anatomy of a Violence atto di accusa contro le crescenti violenze sulle donne nel proprio Paese.

Altre ricorrenze

  • 1938, nasce Frank Langella, ha interpretato sullo schermo Dracula (1979) e Nixon (2008)
  • 1973, nasce Danny Lloyd, il bambino di Shining
  • 1994, Muore Cesar Romero, storico Joker del Batman anni ‘60
CONDIVIDI
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.