Collateral Beauty. Will Smith New Age

L'Amore, la Morte, il Tempo e Will Smith?

67
0

Collateral Beauty
di David Frankel
con Will Smith, Edward Norton, Kate Winslet, Michael Peña, Helen Mirren
Voto 5/6

Will Smith, il pubblicitario più feroce, affascinante e di successo sulla piazza, dopo la perdita di una figlia si è separato: chiuso in se stesso passa il suo tempo a preparare e far cadere le tessere di domino apocalittici (simbolico!), a sfidare il disastro in bicicletta  e a scrivere letttere mai spedite alla Morte, al Tempo e all’Amore (mooolto simboolico!). Un giorno uno dei soci disperato (si rischia la chiusura dell’agenzia) scopre tre attori in un sottoscala a provare una pièce teatrale e chiede loro di interpretare per Smith la Morte, Il Tempo e l’Amore come se avessero ricevuto le lettere, così da farlo uscire dalla sua depressione. L’ennesimo film a sfondo depressivo di Will Smith (non è chiaro se stia usando metà della sua carriera cinematografica -i film dolorosi- come terapia e l’altra metà -quelli giocattolosi- per fare cassa) raggiunge vertici di improbabilità piuttosto alti (e dolciastri, da sconsigliare la visione ai diabetici) coinvolge anche il  David Frankel di Il diavolo veste Prada, la cui ironia sembrava immune da questi problemi.  Non vi anticipiamo quello che tutti gli spettatori in sala capiscono prima dei personaggi del film. La “Bellezza Collaterale” del titolo ve la spiegherà meglio la Morte. Ma è davvero collaterale.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori