10 gennaio 1927, esce Metropolis

62
0

Uno dei film più influenti di tutti i tempi, purtroppo ancora attuale: al tempo in cui uscì il mondo post-industriale immaginato da Fritz Lang, diviso in quelli che pensano e dirigono dall’alto (anche fisico) della città e quelli che lavorano come schiavi sulle macchine e vivono nei bassifondi e che solo alla fine si mettono fraternamente d’accordo, sembrava un futuro probabile. Sembrava.

Lang, al tempo già regista famoso si inventa una film di fantascienza, si, ma così carico di intenzione politica e così raffinato visivamente da lasciare un segno pressoché indelebile. Basti pensare al robot del film, che ispirerà C3PO di Guerre Stellari, il nome della città che sarà ripreso da Siegel e Shuster per Superman, il look e l’atmosfera di Blade Runner o del Batman di Burton, per non tacere del video dei Queen Radio GaGa.

Film colossale nel vero senso della parola: 37.000 comparse (!), 310 giorni per girarlo. Esce durante un periodo estremamente difficile della Germania, la Repubblica di Weimar, inflazione e povertà sono alle stelle: i bambini denutriti che si vedono nel film sono semplicemente arruolati sulle strade. Tutto questo sarà il preludio di cosa succederà a breve, con l’avvento del Terzo Reich. Curiosamente, Hitler e Goebbels erano ammiratori del film, tanto che ne fecero (abusandone) un manifesto del nazismo ed offrirono a Lang, di famiglia ebrea convertita al cristianesimo, di cancellarne le origine ignominiose se si fosse messo al loro servizio. L’amico Fritz preferì scappare negli USA nel 1934, dove continuò la sua carriera di regista.

 

Altre ricorrenze

  • 1942, nasce Walter Hill, regista di Driver e I Guerrieri della Notte
  • 2007, muore Carlo Ponti, produttore di Blow Up, Il Dottor Zivago e tanti altri capolavori
  • 2015, muore Francesco Rosi, regista di Le Mani sulla Città e Cristo si è Fermato a Eboli
  • 2016, muore David Bowie, attore, cantante, Duca Bianco, mito.
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.