15 gennaio 1988 , esce Good Morning Vietnam

59
0

Nell’ondata dei film sulla Guerra del  Vietnam che caratterizza il cinema a stelle e e strisce dalla fine degli anni ’70 in poi, quasi come fosse una redenzione o un’espiazione, oltre ad esserne praticamente l’ultimo di una certa rilevanza (Full Metal Jacket di Kubrick è uscito qualche mese prima) di certo uno dei più peculiari è Good Morning Vietnam di Barry Levinson. Il celebre saluto del deejay stanziato a Saigon Adrian Cronauer, realmente esistito (anche se in realtà molto meno spregiudicato di come fu rappresentato), diviene così iconico che viene replicato anche nelle guerre del golfo una ventina di anni dopo ed oltre, con improbabili “ gooood morning Saudi Arabia” o “goood morning Iraq” da suoi sventurati emuli.

Il film è notevole, due gli elementi che lo nobilitano: il primo è la fantastica colonna sonora, nessuna canzone scritta appositamente, ma Levinson attinge in modo straordinario a quel periodo e lo lega alle immagini con una perfezione chirurgica e stridente. Un pugno allo stomaco la dolcezza di A Wonderful World di Louis Armstrong sulle macerie fumante dei cadaveri dopo un attentato.

L’altro asset è naturalmente Robin Williams, in quella che ci azzardiamo affermare la sua interpretazione definitiva: esilarante, dissacrante, roboante, ma anche fragile e alla fine impotente, in questo film, che lo rilancerà stella mondiale dopo i fasti della serie TV Mork e Mindy di qualche anno prima, Robin parla di se stesso come mai riuscirà ancora a farlo nel corso della sua carriera. Ci manca molto.

Altre ricorrenze

  • 1957, nasce Mario Van Peebles, attore e regista USA
  • 1962, nasce Margherita Buy, attrice in Le Fate Ignoranti e Giorni e Nuvole
  • 2008, muore Brad Renfro, attore de L’Allievo e Ghost World
CONDIVIDI
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.