Secondary ticketing. Nuova denuncia della Siae dopo lo scandalo U2

1289
0

Prosegue il caso “secondary ticketing”. Tutti voi ricorderete, naturalmente, il polverone alzatosi alcuni mesi fa dopo l’apertura delle prevendite per i biglietti per i due concerti dei Coldplay a San Siro, polverizzati in pochi minuti.
Un copione già visto e che si è ripetuto ieri, con l’apertura delle prevendite per i biglietti del concerto degli U2 il 15 luglio allo Stadio Olimpico di Roma. Anche in questo caso, tagliandi esauriti in una manciata di minuti e conseguenti polemiche sui social da parte dei tantissimi fan rimasti a bocca asciutta.
Una soluzione per vedere comunque Bono e compagni? Acquistare i biglietti sui siti di secondary ticketing (la nostra è una boutade, naturalmente!), in cui i tagliandi sono in vendita a prezzi decuplicati già da giorni. Anzi, lì potete già trovare perfino i biglietti per la seconda data, quella del 16 luglio, la cui prevendita su TicketOne aprirà lunedì.
Addirittura, Gaetano Blandidi, direttore generale della Siae, durante la conferenza stampa di questa mattina organizzata per presentare il concerto-evento di Vasco Rossi a Modena, ha dichiarato che 7 minuti dopo l’apertura delle prevendite per il primo concerto degli U2, nei circuiti di secondary ticketing erano già stati inseriti 4mila biglietti, i cui prezzi andavano dai 200€ ai 2.638€ (quest’ultimo, su Viagogo).
È stato questo a spingere la Siae a presentare un ricorso d’urgenza ex art.700 c.p.c. al Tribunale di Roma, per appurare cosa sia successo. La prevendita, infatti, ha fatto registrare il numero di 24mila biglietti acquistati, 23mila dei quali sono stati polverizzati ieri in una manciata di minuti. Tra questi, la stessa TicketOne ha confermato la presenza di almeno 600 casi “sospetti”, i cui ordini infatti sono stati tempestivamente annullati.
Vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi giorni.

CONDIVIDI

Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe ’93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all’Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia. Mi trovate anche su D.Repubblica.it, Amica.it, La Nuova Venezia, il Mattino di Padova e la Tribuna di Treviso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here