Mike Oldfield torna a “Ommadawn”

460
0

Esce oggi Return to Ommadawn il nuovo album di Mike Oldfield. A distanza di quarantadue anni il musicista riscopre i primi lavori in studio lasciandosi ispirare dalla loro genuinità musicale. Dopo la morte del figlio trentatreenne in uno studio di Londra, e la perdita del padre, Oldfield si dedica alla produzione del suo album strumentale curandone ogni aspetto. Nel suo studio di Nassau, Bahamas, l’ha scritto, suonato, registrato e mixato. Return to Ommadawn lascia da parte la struttura in tracce per suddividersi in due parti da 20 minuti: Return To Ommadawn Pt. I e Return To Ommadawn Pt. II, pensate specificatamente per la pubblicazione su vinile.

«Guardando ai social i primi tre album, 40 anni dopo, rimangono i favoriti di tutti e Ommadawn più di Tubular Bells. Secondo me perché rappresenta una parte genuina di musica più che di produzione. Non c’era uno scopo, non volevo ottenere nulla né compiacere qualcuno. Era semplicemente fare della musica in modo spontaneo e pieno di vita. Fare Return To Ommadawn è come un ritorno al me stesso autentico», spiega Oldfield.
A contribuire alla decisione  è stato anche il pensiero di Jean Michel Jarre: «Ho visto che Jean-Michel stava facendo una live chat su Facebook con i suoi fan e sono andato online per seguire ciò che veniva detto. Una persona gli ha chiesto se poteva mai collaborare con me, e la sua risposta è stata interessante, perché ha detto che amava la mia musica, ma che era troppo acustica per lui. Questo mi ha fatto pensare. Se uno come lui crede io sono un musicista acustico, mostra quanto importante è stata quella parte della mia carriera. Quindi, con questa prova schiacciante, ho sentito che sarebbe stato molto stimolante di fare di nuovo un progetto del genere».

Il suo primo album, Tubular Bells, ha venduto 16 milioni di copie e il tema iniziale è tra i più conosciuti, grazie al regista William Friedkin che utilizzò la musica per il film L’esorcista. La collaborazione diede all’album grande visibilità, facendolo balzare al primo posto delle classifiche britanniche. Così Oldfield torna alle origini dando alla luce un album che rispecchia quello d’esordio nel modo d’approccio solista e nella progettazione. Return to Ommadawn è disponibile nei formati Cd, Cd/Dvd, LP e digitale. La versione Cd/Dvd conterrà la versione mixata in 5.1 dell’intero album.

CONDIVIDI

Vent’anni e un corso di studi a Milano. Soffro di Londonite da quando ho passato tre mesi nella capitale britannica e poi ho dovuto lasciarla. Una volta ho incontrato Paul McCartney, ma non l’ho riconosciuto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here