Dopo l’amore. La ferita della separazione

Si erano tanto amati. Ora si odiano anche di più. Un film impietoso

24
0

Dopo l’amore
di Joachim LaFosse
con Bérénice Bejo, Cédric Kahn, Marthe Keller, Jade Soentjens, Margaux Soentjens.
Voto 6/7

Sono sposati, una volta si amavano. Ora lei non riesce più a sopportare lui, e lui vorrebbe ancora stare con lei. Lei trova imbarazzante persino la presenza di lui che non lavora ma vorrebbe ricavare qualche soldo da ristrutturazioni della casa della madre di lei, e in caso di separazione vorrebbe che nella divisione dei beni venissero conteggiate davanti agli avvocati le ristrutturazioni che lui ha fatto nella loro casa, il cui mutuo però lo sta pagando lei che un lavoro ce l’ha. Ovviamente lui ama molto le due bambine nate dal matrimonio e loro amano lui. Lei trova ogni pretesto per litigare e lui per provocare. Insomma i due si offendono e si ricattano in continuazione e noi, seduti davanti allo schermo dopo un po’ ci chiediamo che colpa abbiamo commesso per essere sottoposti a tanto dolore. Perché il tema di questo film è che le separazioni, chiunque abbia ragione o torto, procurano solo tantissimo dolore, addirittura superiore all’amore che aveva portato all’unione. Da questo punto di vista film spietato, fin dal titolo originale: L’économie du couple.

CONDIVIDI
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori