25 gennaio 1985, esce Fandango

87
0

“Non c’è niente di sbagliato nell’andare da nessuna parte. È uno dei privilegi della giovinezza”

Questo gioiellino sottovalutato di più di 30 anni fa nasce da un film girato all’università dal regista Kevin Reynolds: Steven Spielberg ne rimase impressionato e ne produsse una versione da cinema, chiedendo allo stesso Reynolds di girarlo. Quando uscì, Fandango passò inosservato, lo stesso Spielberg, non soddisfatto del prodotto finale, si fece togliere dai credits. Secondo noi, a torto.

Fandango parla di un gruppo di amici che, subito dopo la festa della laurea e prima di decidere se partire per il Vietnam o disertare, decidono di attraversare i deserti degli Stati Uniti per recuperare il fantomatico Dom (chi sarà?). Poi si separeranno per sempre.

Quello di Reynolds è un film di formazione e on-the-road nel senso migliore del termine, e coglie tutti quegli aspetti dell’amicizia maschile, del diventare grandi, dell’incontrarsi e del perdersi che connotano il film di una goliardia spensierata e allo stesso tempo amara: il resto della vita sta per arrivare.

Tanti gli aspetti che meritano una citazione: splendide le immagini, ognuna carica di significato e di sogno; splendide le musiche, un mix degli anni di Woodstock e soprattutto uno splendido pezzo di Pat Metheny da groppo in gola.

Fandango è anche la prima parte da protagonista di quello che poi diventerà la star più importante e pagata degli anni ’80, ovvero Kevin Costner, la cui parte principale fino a quel momento erano state le scene tagliate ne Il Grande Freddo. La cosa divertente è che lui aveva incontrato Reynolds ai tempi dell’università proprio nel provino per il film, e fu scartato. Buona la seconda.

Altre ricorrenze

  • 1943, nasce Tobe Hooper regista horror di Non Aprite Quella Porta e Poltergeist
  • 1959, nasce Toni Servillo, attore de La Grande Bellezza e Il Divo
  • 1961, esce La Carica dei 101, film di animazione della Disney
  • 1970, esce MASH film di Robert Altman sulla guerra in Corea
  • 1972, esce Fritz The Cat, film di animazione cult di Robert Crumb
  • 1990, muore Ava Gardner diva di Mogambo e La Notte Dell’Iguana
CONDIVIDI

Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here