26 gennaio 1925, nasceva Paul Newman

235
0

Una delle più grandi e leggendarie star del cinema, avrebbe compiuto 92 anni oggi. Ben 12 nomination all’Oscar, curiosamente vincerà solo due volte, una per il Colore dei Soldi (ormai 61enne), l’altra alla carriera. Quello che Hollywood gli aveva dato in fame, glielo riconobbe formalmente solo alla fine.

Cosa dire di lui? Bello e talentuoso come forse ai suoi tempi lo fu solo Marlon Brando, sfacciato sul set come sicuro nella vita. Attraversa 50 anni di storia americana come una vera icona. Lassù Qualcuno Mi Ama, La Lunga Estate Calda, La Gatta Sul Tetto che scotta, Lo Spaccone, Nick Mano Fredda, Butch Cassidy, La Stangata, il Verdetto… E ne lasciamo fuori almeno un’altra dozzina di interpretazioni memorabili.

Insieme all’amico Robert Redford (per tanti versi, il fratello minore e più posato) rappresentò per noi italiani quello che di bello aveva l’America. Appassionato di motori (passione che condivideva con il ben più scapestrato Steve Mc Queen), 50 anni insieme alla sua Joanne Woodward (record ad Hollywood), il suo schieramento politico (da sempre liberal in prima linea, esposto a favore dei matrimoni gay in tempi non sospetti e sul controllo delle armi – Nixon lo aveva inserito nella sua lista di nemici), l’enorme sforzo in fatto di beneficienza (si calcolano più di 200M di dollari, anche grazie alla sua linea alimentare, nata per questo scopo), ne fanno una grande persona oltre che un grande attore.

Al suo Oscar alla Carriera, riassunse così la lezione che aveva imparato fino ad allora: “Siamo così spreconi con le nostre vite. Il trucco di vivere è entrare ed uscire da questo pianeta facendo meno casino possibile. Non voglio diventare santo, è che mi viene da pensare che nella vita abbiamo bisogno di essere un po’ contadini, che riseminano nel terreno parte di quello che hanno raccolto”. Si spegne il 26 settembre 2008

Altre ricorrenze

  • 1941, nasce Scott Glenn, attore in Silverado e Caccia a Ottobre Rosso
  • 1949, nasce David Strathairn, attore in Good Morning And Good Luck e We Are Marashall
  • 1992, muore Josè Ferrer, vincitore dell’Oscar per Cyrano de Bergerac (1950)
CONDIVIDI
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.