Musical in odore di Oscar o thriller d’autore? Questo e molto altro al cinema nel fine settimana

68
0

Attesissimo, arriva finalmente nelle sale italiane La La Land, il musical che ha fatto incetta di candidature agli Oscar, ben quattordici. Con il suo inconfondibile stile torna anche un regista apprezzato da pubblico e critica come Shyamalan, ma il ventaglio di nuove uscite non si esaurisce certo qui: il weekend si annuncia davvero ricchissimo per gli amanti della settima arte.

Di La La Land di Damien Chazelle si è già detto di tutto e di più, per quanto in Italia finora sia stato visto solo alla Mostra del Cinema di Venezia la scorsa estate. I sette Golden Globe vinti e le quattordici candidature agli Oscar pesano e fanno di questo film un evento a prescindere. Protagonisti sono Emma Stone, nella parte di un’aspirante attrice che sbarca il lunario servendo cappuccini, e Ryan Gosling, nel ruolo di un musicista jazz che suona nei piano bar. Dedicato agli amanti del musical.

Split di M. Night Shyamalan è un thriller con venature horror che rispecchia in pieno quella che da sempre è la cifra stilistica del regista indiano. L’interprete principale è James McAvoy, nella parte di un uomo che alla psichiatra di fiducia ha già mostrato la bellezza di ventitre personalità diverse e che rapisce tre ragazze.

E’ un fantasy molto particolare Fallen di Scott Hicks, tratto dall’omonimo romanzo di Lauren Kate. La storia raccontata è quella di una diciassettenne che si ritrova in riformatorio per un crimine che non ha commesso. Si ritroverà ad essere corteggiata da due ragazzi, che in realtà sono angeli caduti che da secoli si contendono il suo amore.

Chi vuole farsi due risate può provare con Proprio lui? di John Hamburg, che ha in James Franco l’attore principale. Al centro del film c’è la convivenza forzata fra un uomo ed il fidanzato della figlia, non proprio il genero che sognava. Il confronto tra due mondi radicalmente lontani è il leit motiv di una commedia che promette più di una risata.

Non è un film facile Riparare i viventi di Katell Quillévéré, tratto dall’omonimo libro di Maylis de Kerangal. Da una parte c’è un giovane in stato di morte cerebrale a seguito di un incidente, dall’altra una donna che ha la necessità di un urgente trapianto di cuore. Nel mezzo, i genitori del giovane, chiamati a prendere la più difficile delle decisioni.

Escono anche i film d’animazione giapponesi Doraemon il film: Nobita e la nascita del Giappone di Shinnosuke Yakuwa e Your name di Makoto Shinkai, il francese Les Ogres di Léa Fehner, il documentario Zero Days di Alex Gibney e in tema con il Giorno della Memoria Austerlitz di Sergei Loznitsa, A german life di Christian Krönes, Olaf S. Müller, Roland Schrotthofer e Florian Weigensamer, Maestro di Alexandre Valenti e Il viaggio di Fanny di Lola Doillon.

CONDIVIDI
Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.