Ecco quanto (poco) vendono i dischi di Sanremo

416
1
Alessio Bernabei

Puntualissima come sempre negli ultimi anni, anche stavolta è arrivata la polemica tra case discografiche e Rai riguardo i rimborsi spese ai cantanti in gara: i cosiddetti “big” prendono infatti 46.500 euro a testa, i “giovani” 20.000. Apparentemente potrebbero sembrare cifre interessanti, in realtà invece sono piuttosto risibili e nella maggior parte dei casi non coprono nemmeno le spese effettive: oltre alla settimana sanremese, bisogna tener conto che precedentemente ci sono prove a Roma e altre due volte a Sanremo. Insomma, tenuto conto delle trasferte, di ristoranti e hotel (che nella città dei fiori sono carissimi), del direttore d’orchestra da pagare e altre spese collaterali, alla fine non c’è molto da scialare. E la parte economica, almeno per discografici e cantanti, diventa sempre più una spina nel fianco soprattutto in considerazione del fatto che ormai dischi se ne vendono sempre meno, quelli di Sanremo in particolare.

Ecco quali sono stati i più venduti della scorsa edizione. Come abbiamo già detto in altre occasioni, chiariamo che in realtà in numeri riportati sono soltanto indicativi, in quanto in Italia non esiste una rilevazione ufficiale che dica esattamente quante copie siano state vendute dei singoli dischi. Questi numeri sono comunque piuttosto vicini al vero e aiutano a farsi un’idea di quanti siano i dischi effettivamente venduti. E le cifre, come si può notare, sono davvero sconfortanti.

Noi siamo infinito di Alessio Bernabei: 25.206 copie
Zero gravity di Lorenzo Fragola: 25.070
DI20 di Francesca Michielin: 20.959 (30.264 se consideriamo anche le copie vendute dell’edizione pubblicata prima del Festival)
Miss Nostalgia degli Stadio: 19.062
Figatta de blanc di Elio e le Storie Tese: 13.707
Signorhunt di Rocco Hunt: 13.536 (25.135 se consideriamo anche le copie vendute dell’edizione pubblicata prima del Festival)
Eccomi di Patty Pravo: 11.704
Se avessi un cuore di Annalisa: 9.805
Cuore d’artista di Noemi: 9.013 copie
Miracolo!
di Clementino: 8.280 (27.713 se consideriamo anche le copie vendute dell’edizione pubblicata prima del Festival)

CONDIVIDI
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi".
  • Marco Fioravanti

    Nek non ha partecipato a Sanremo 2016 ma nel 2015