Ligabue: “A maggio inizio a scrivere il mio terzo film”

792
0

La notizia circola da mesi, e molti giornalisti si sono soffermati su quanto Made in Italy potesse essere perfetto per una sceneggiatura cinematografica. Luciano Ligabue ha affrontato l’argomento col suo solito sorriso sornione, lasciando intendere che l’idea c’era eccome, ma senza confermare né smentire. La conferma arriva oggi, da un’intervista di Luciano al giornalista di La Stampa, Luca Dondoni, durante la quale, commentando il successo dell’apertura del Made in Italy tour da Acireale due giorni fa, il cantautore non lascia più spazio a dubbi: «Dopo Radiofreccia e Da Zero a Dieci, in molti mi hanno chiesto di pensare a un nuovo film. Ma non c’era una storia che mi convincesse, non ero ispirato. In Made in Italy c’è tutto quello che serve e, ora lo posso dire: a maggio inizierò la stesura della sceneggiatura; prevedo  di poter iniziare così a lavorare a un film che dovrebbe essere pronto per il 2018».

Sembra davvero, quindi, essere arrivato il momento giusto per il terzo di film di Luciano, che dopo il lungo tour appena iniziato si metterà subito al lavoro. Un amore mai nascosto quello di Luciano per il cinema, e che gli ha dato molte soddisfazioni con i primi due film, Radiofreccia (1998) e Da Zero a dieci (2002).

Luciano, partito martedì con il suo tour dalla bellissima Sicilia, attraverserà l’Italia fino a fine maggio portando nel suo spettacolo tutto il nuovo album, per la prima volta nella sua carriera, decidendo di dedicare metà dello spettacolo a Made in Italy. Un album a cui Luciano tiene davvero moltissimo e lo ha detto più volte, e che non vedeva l’ora di far ascoltare. Tanto è vero che è stata davvero dura dover rimandare l’inizio del tour a causa di un edema alle corde vocali, ma, come ha raccontato il suo manager Maioli al quotidiano torinese: «Il foniatra è stato perentorio: “O smetti di parlare per almeno 10 giorni o rimarrai afono per sei mesi”. Ero abbastanza preoccupato per la tenuta di Luciano, ma ha stupito anche me. Voce perfetta dall’inizio alla fine».

Adesso che la salute (e soprattutto la voce) sono tornate,vedremo che cosa riserverà la versione cinematografica di Riko, protagonista del concept. Lavoro, amore, amicizia, problemi esistenziali: un album ricco che sul grande schermo potrebbe offrire una visione ancora migliore della storia.

CONDIVIDI
Nata in Calabria, classe '86. Un diploma di Liceo Scientifico che però mi ha portato ad una laurea in Lingue e Letterature straniere. La musica e la letteratura sono sempre state la colonna portante della mia vita in ogni loro sfumatura. Sognatrice ostinata ma realista al punto giusto.