Si avvicina la notte degli Oscar, ripercorriamo 80 anni di vittorie italiane

104
0

Nella notte fra domenica e lunedì verranno assegnati gli Oscar 2017. Noi italiani faremo il tifo per Fuocoammare di Gianfranco Rosi, in gara nella categoria “Miglior documentario”, e per Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini, che insieme a Christopher Nelson, sono in gara nella categoria “Miglior trucco e acconciatura”. Di origini italiane è anche Alan Barillaro, che firma Piper con Marc Sondheimer, e corre nella categoria “Miglior cortometraggio d’animazione”: Barillaro è nato in Canada, ma la madre è abruzzese e il padre canadese.

Speriamo dunque che si possa allungare l’elenco di vittorie italiane nella notte degli Oscar. Un elenco che comprende nomi che hanno fatto la storia del cinema, come quelli di Federico Fellini (cinque statuine per lui) e Vittorio De Sica, Bernardo Bertolucci (nove Oscar per il suo L’ultimo imperatore) ed Elio Petri. E poi ancora Anna Magnani, Sophia Loren, Roberto Benigni e tantissimi altri nomi che sono l’orgoglio del cinema tricolore.

Certo, l’elenco potrebbe essere ancora più ricco. Pensiamo ad esempio a Frank Capra, nato in provincia di Palermo, e vincitore per tre volte come miglior regista (1935, 1937 e 1939): naturalizzato statunitense, non compare nella lista, ma aveva sangue italiano nelle vene. Così come Dario Simoni, due volte vincitore nella categoria “Miglior scenografia colore” (1963 e 1966), che secondo il sito movieplayer.it era nato a Bologna, per poi emigrare prima in Inghilterra e poi negli Stati Uniti.

Non consideriamo nemmeno Walter Rossi, Oscar per i “Migliori effetti speciali” nel 1958: per il sito corriere.it era italiano, mentre per la versione inglese di Wikipedia sarebbe nato a New York e morto a Los Angeles. Pronti a correggere, qualora dovessero emergere nuove fonti che ne certifichino la nazionalità italiana. Curioso infine il caso del 2010, quando l’Italia portò a casa due Oscar con Mauro Fiore (italiano, nato in provincia di Cosenza e poi naturalizzato statunitense) e Michael Giacchino (statunitense, ma dal 2009 cittadino italiano).

Di seguito, l’elenco di tutti gli Oscar “italiani”:

1937
Miglior fotografia: Tony Gaudio (Avorio nero)

1948
Premio speciale al miglior film straniero: Sciuscià di Vittorio De Sica

1950
Premio onorario al miglior film straniero: Ladri di biciclette di Vittorio De Sica

1956
Miglior attrice protagonista: Anna Magnani (La rosa tatuata)

1957
Miglior film straniero: La strada di Federico Fellini

1958
Miglior film straniero: Le notti di Cabiria di Federico Fellini

1962
Miglior attrice protagonista: Sophia Loren (La ciociara)
Migliori costumi bianco e nero: Piero Gherardi (La dolce vita)

1963
Miglior sceneggiatura originale: Ennio De Concini, Alfredo Giannetti e Pietro Germi (Divorzio all’italiana)

1964
Miglior film straniero: di Federico Fellini
Migliori costumi bianco e nero: Piero Gherardi ()
Migliori costumi colore: Vittorio Nino Novarese (Cleopatra, insieme a Irene Sharaff e Renié)

1965
Miglior film straniero: Ieri, oggi, domani di Vittorio De Sica

1969
Miglior fotografia: Pasqualino De Santis (Romeo e Giulietta)
Migliori costumi: Danilo Donati (Romeo e Giulietta)

1971
Miglior film straniero: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Elio Petri
Migliori costumi: Vittorio Nino Novarese (Cromwell – Nel suo pugno la forza di un popolo)

1972
Miglior film straniero: Il giardino dei Finzi Contini di Vittorio De Sica

1975
Miglior film straniero: Amarcord di Federico Fellini
Miglior colonna sonora originale drammatica: Nino Rota (Il padrino – Parte II, insieme a Carmine Coppola)

1976
Migliori costumi: Milena Canonero (Barry Lindon, insieme a Ulla-Britt Soderlund)

1977
Migliori costumi: Danilo Donati (Il Casanova di Federico Fellini)
Premio Special Achievement (effetti visivi): Carlo Rambaldi (King Kong, insieme a Glen Robinson e Frank Van der Veer)

1979
Miglior colonna sonora originale: Giorgio Moroder (Fuga di mezzanotte)

1980
Miglior fotografia: Vittorio Storaro (Apocalypse now)
Migliori effetti speciali: Carlo Rambaldi (Alien, insieme a H.R. Giger, Brian Johnson, Nick Allder e Denys Ayling)

1982
Miglior fotografia: Vittorio Storaro (Reds)
Migliori costumi: Milena Canonero (Momenti di gloria)

1983
Migliori effetti speciali: Carlo Rambaldi (E.T. l’extraterrestre, insieme a Dennis Muren e Kenneth F. Smith)

1984
Miglior canzone: Giorgio Moroder (Flashdance, musica di Flashdance… What a feeling, insieme a Keith Forsey e Irene Cara)

1987
Miglior scenografia: Gianni Quaranta e Elio Artamura (Camera con vista, insieme a Brian Ackland-Snow e Brian Savegar)
Miglior canzone: Giorgio Moroder (Top gun, musica di Take my breath away, insieme a Tom Withlock)

1988
Miglior film: L’ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci
Miglior regia: Bernardo Bertolucci (L’ultimo imperatore)
Miglior sceneggiatura non originale: Bernardo Bertolucci (L’ultimo imperatore, insieme a Mark Peploe)
Miglior fotografia: Vittorio Storaro (L’ultimo imperatore)
Miglior montaggio: Gabriella Cristiani (L’ultimo imperatore)
Miglior scenografia: Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari e Osvaldo Desideri (L’ultimo imperatore)

1990
Miglior film straniero: Nuovo cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore
Miglior trucco: Manlio Rocchetti (A spasso con Daisy, con Lynn Barber e Kevin Haney)

1991
Migliori costumi: Franca Squarciapino (Cyrano de Bergerac)
Premio alla carriera: Sophia Loren

1992
Miglior film straniero: Mediterraneo di Gabriele Salvatores
Miglior montaggio: Pietro Scalia (JFK – Un caso ancora aperto, insieme a Joe Hutshing)

1993
Miglior scenografia: Luciana Arrighi (Casa Howard, insieme a Ian Whittaker)
Premio alla carriera: Federico Fellini

1994
Migliori costumi: Gabriella Pescucci (L’età dell’innocenza)

1995
Premio alla carriera: Michelangelo Antonioni

1999
Miglior attore protagonista: Roberto Benigni (La vita è bella)
Miglior film straniero: La vita è bella di Roberto Benigni
Miglior colonna sonora drammatica: Nicola Piovani (La vita è bella)

2001
Premio alla memoria Irving G. Thalberg: Dino De Laurentis

2002
Miglior montaggio: Pietro Scalia (Black Hawk Down – Black Hawk abbattuto)

2005
Miglior scenografia: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (The aviator)

2007
Migliori costumi: Milena Canonero (Marie Antoinette)
Premio alla carriera: Ennio Morricone

2008
Miglior scenografia: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (Sweeney Todd – Il diabolico barbiere di Fleet Street)
Miglior colonna sonora: Dario Marianelli (Espiazione)

2010
Miglior fotografia: Mauro Fiore (Avatar)
Miglior colonna sonora: Michael Giacchino (Up)

2012
Miglior scenografia: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (Hugo Cabret)

2014
Miglior film straniero: La grande bellezza di Paolo Sorrentino
Premio alla carriera: Piero Tosi

2015
Migliori costumi: Milena Canonero (Grand Budapest Hotel)

2016
Miglior colonna sonora: Ennio Morricone (The hateful eight)

CONDIVIDI

Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here