WhatsApp si adegua a Snapchat Stories

344
0

Gli utenti che non possiedono sul loro cellulare la famosa icona di WhatsApp, ormai, sono veramente pochi. Il servizio di messaggistica più famoso e utilizzato al mondo (si stima che siano 1,2 miliardi le persone che ad oggi ne usufruiscono) cambia ancora faccia e si adegua sempre più a Snapchat, suo diretto concorrente, che sta avendo una diffusione sempre maggiore. Pare proprio che Mark Zuckerberg, dopo aver già adeguato Facebook con l’inserimento delle stories abbia deciso di trasformare ulteriormente anche WhatsApp con la nuova interfaccia Status.

Grazie a questa nuova funzione,  dopo aver creato una foto sarà possibile arricchirla con testi, emoji e disegni a mano libera, esattamente come su Snapchat. Ripetendo l’operazione, o aggiungendo video, si verrà a creare una storia, che sarà visibile per 24 ore ai propri contatti nella nuova tab “Status”.

L’aggiornamento sarà disponibile sia per Android che per Ios, anche se non sono state chiarite ancora tutte le funzionalità, come, per esempio, se gli utenti fra i nostri contatti riceveranno una notifica ogni volta si effettua una modifica al nostro status e si creeranno nuove stories. Il tutto sarà però criptato e visibile solo ai nostri contatti. La società di messaggistica ha spiegato così la sua scelta:

Quando WHATSAPP è stata lanciata , quasi 8 anni fa (il 24 febbraio), era un’applicazione per la condivisione di aggiornamenti di stato, dove la  gente poteva inserire una  breve riga di testo da lasciare ai loro amici. Quando abbiamo notato che le persone utilizzavano questa funzione per comunicare in tempo reale, abbiamo ridisegnato WhatApp come applicazione di messaggistica. 

Resta comunque certo che ci sia, da parte di Zuckerberg e soci, la volontà di arginare la diffusione mondiale della società di Evan Spiegel, che negli ultimi anni, grazie a Snapchat, può vantare un capitale di 18 miliardi di dollari (tanto è valutata adesso la sua App, che lo stesso Spiegel si rifiutò di vendere a Facebook soltanto 4 anni fa).

Una sorta di piccola grande guerra tecnologica, fatta a suon di nuove funzioni e grafiche sempre più moderne e colorate.

CONDIVIDI
Nata in Calabria, classe '86. Un diploma di Liceo Scientifico che però mi ha portato ad una laurea in Lingue e Letterature straniere. La musica e la letteratura sono sempre state la colonna portante della mia vita in ogni loro sfumatura. Sognatrice ostinata ma realista al punto giusto.