Samuel ft. Jova: 4 pezzi di Lorenzo ne “Il codice della bellezza”

890
0

Se avete seguito il Festival di Sanremo e siete fan di Jovanotti, sicuramente avrete notato i nomi degli autori del pezzo presentato da Samuel: Vedrai, scritto da Christian Rigano (anche direttore d’orchestra) e Riccardo Onori, rispettivamente tastierista e chitarrista di Lorenzo. Ma lo zampino di Jova ne Il codice della bellezzaquesto il nome del nuovo album del frontman dei Subsonica, non si ferma certo qui. Ben 5 delle 14 tracce del disco, infatti, sono state scritte insieme al cantante di Cortona: Più di tutto, La statua della mia libertà, Niente di particolare, La luna piena e Voleva un’anima, pezzo, quest’ultimo, che vede un duetto tra i due e il basso di Saturnino.
Ecco il lungo post pubblicato su Facebook con cui Lorenzo ha dato il benvenuto a Il codice della bellezza:

«Oggi esce Il codice della bellezza, l’album di Samuel!!!
Questo disco l’ho visto proprio nascere, più di un anno fa con Samuel ci vedemmo nel camerino a Torino prima del mio concerto e mi disse che stava pensando a un suo disco da solista. Io sono sempre stato un fan dei Subsonica, è dal loro primo vagito musicale che li seguo. L’idea di sentire Samuel alle prese solo con se stesso mi piaceva, essere in una band è completamente diverso dall’essere un artista singolo, due mondi lontanissimi. Non sempre uno esce da una band e la cosa funziona uguale, non è scontato. Ero molto curioso di sentire Samuel da solo.
Qualche mese dopo ci siamo sentiti e abbiamo organizzato una session in studio per scrivere qualcosa insieme, Samuel, Canova e io, senza aspettative, se fosse scattato il feeling bene sennò è comunque bello provarci. È stato magico, davvero, una di quelle cose che succedono a volte nella musica, ci siamo divertiti, e abbiamo buttato giù cinque idee di cinque pezzi in due giorni. Da parte mia l’unica cosa su cui insistevo è che non volevo ascoltare un disco del Subsonica senza i Subsonica, volevo il racconto di un essere umano, il più possibile messo a nudo senza nessuno intorno, che è la condizione del cantante solista.
Penso che l’impresa sia riuscita.
La luna piena in particolare sono un po’ pentito (scherzo) che sia nel suo disco perché lo vorrei tanto in un album mio, un pezzo così, ascoltatelo. Avevo questo testo scritto il giorno prima sul cellulare, era nato da un’immagine, da una sensazione che avevo provato in un momento, e allora l’ho tirato fuori in studio e voleva degli accordi, un’atmosfera, qualcosa che lo trasformasse in una canzone. Ci siamo messi lì e quando lui ha iniziato a cantare quelle rime con la sua voce io avevo il brividone di certi rari momenti in studio, la famosa “pelle d’oca”. E mi ritorna ogni volta che lo sento, lo posso dire senza fare la figura di quello che parla bene di sé, perché la canta lui, e tutti sanno che i testi delle canzoni di per se stessi non sono niente, è la voce che li fa vivere, la musica è prima di tutto suono e Samuel è una delle voci più belle in circolazione. Le canzoni che abbiamo scritto insieme sono riuscite bene perché sono vere, nate da tre ragazzi alle prese con la loro autentica passione di fare musica, senza pippe mentali, senza retropensieri, puro approccio rock’n’roll.
Ascoltate tutto l’album ma in particolare i pezzi che abbiamo fatto insieme perché “sò li mejo!!!!!
In bocca al lupo a Samuel per il suo primo disco, sono molto felice di esserci dentro e di averlo visto nascere e adesso di vederlo camminare.
Ditemi cosa ne pensate, in questo periodo càpito poco da queste parti ma ogni tanto ci passo. Sono un po’ in giro, esplorando, lavorando, pensando alla musica, inseguendo chimere, e soprattutto vivendo.
Ciao a tutti un abbraccio!».

CONDIVIDI
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.