25 febbraio 2004, esce La Passione di Cristo

75
0

Il terzo film diretto da Mel Gibson dopo i fasti di Braveheart (1995), ma il primo senza di lui.

Lontano anni luce dal Gesù di Nazareth di Zeffirelli (1977) che era diventato l’iconografia cinematografica ufficiale della Chiesa Cattolica (con tanto di Gesù dagli occhi azzurri), ma altrettanto lontano dalla visione profondamente umana del Figlio di Dio ne L’Ultima Tentazione di Cristo di Martin Scorsese (1988).

Il film, nella sua cruda e cruenta rappresentazione delle ultime 12 ore della vita del Cristo, pur essendo totalmente militante alla causa cattolica (così come lo è Mel Gibson), sollevò comunque un vespaio nei paesi non-cristiani: non distribuito in Israele per mancanza di interesse (!), vietato in molti Paesi Arabi (Gesù è comunque un profeta, quindi non raffigurabile), permesso ai soli Cristiani in Malaysia e Indonesia.

Sotto tutto il sangue e il sudore, e girato tutto in latino e aramaico, splendide le scene girate in Basilicata (tanti gli attori italiani, tra cui Monica Bellucci nella parte di Maddalena ed una irriconoscibilmente emaciata Rosalinda Celentano in quella di Satana). Fu letteralmente una via crucis per il protagonista Jim Caviezel che si sottopose a tutto il calvario: subì la dislocazione della spalla, una parziale asfissia da crocifissione, ferite varie da cadute e frustate (!) accidentali, fu persino colpito da un fulmine vero (!!) in una scena. Particolare messianico e blasfemo  allo stesso tempo: l’attrice che interpretava Maria (Maia Morgenstern) scoprì di essere incinta durante le riprese.

Altre ricorrenze

  • 1950, nasce Neil Jordan regista di La Moglie Del Soldato e Michael Collins
  • 1966, nasce Tea Leoni, attrice di Deep Impact e The Family Man
  • 1971, nasce Sean Astin, esordisce con Goonies ed è Sam nella saga de Il Signore degli Anelli
  • 1983, muore Tennesse Williams, grande drammaturgo, scrive per il cinema Un Tram Chiamato Desiderio e La Rosa Tatuata
CONDIVIDI
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.