Ecco chi è il colpevole della gaffe della Notte degli Oscar

281
0

Per giorni era stato indicato Leonardo DiCaprio come principale indiziato per la grossa gaffe protagonista assoluta della Notte degli Oscar. Secondo altri, invece, la colpa era da imputare a Warren Beatty e Faye Dunaway, i due attori che hanno presentato la serata. Ora è arrivato il momento di scagionare definitivamente le tre star hollywoodiane e a farlo è niente meno che la PricewaterhouseCoopers, la società di revisione e consulenza legale, responsabile delle buste degli Oscar da 83 anni.

Dovete sapere che, prima dell’assegnazione delle statuette, sono solo due le persone a conoscenza delle decisioni prese dall’Academy, ognuna delle quali possiede una copia dei famosi “cartoncini” che contengono le indicazioni dei premi assegnati. I responsabili di quest’anno erano Martha RuizBrian Cullinan. Ed è proprio quest’ultimo il colpevole di quanto avvenuto domenica sera. Quando Martha Ruiz ha consegnato a Warren Beatty e Faye Dunaway l’indicazione di Emma Stone, vincitrice del premio come miglior attrice protagonista, a Brian Cullinan sarebbe spettato il compito di dare ai due presentatori il titolo di Moonlight come vincitore per il miglior film. Cullinan, invece, si è confuso, consegnando a sua volta la sua copia riguardante il premio per la migliore attrice protagonista e mandando in confusione il povero Warren Beatty, evidentemente perplesso all’apertura della busta (qui il video). Il caso ha voluto che la pellicola in cui recitava la Stone fosse in lizza per la vittoria finale come miglior film, e quindi Faye Dunaway, non comprendendo l’esitazione del suo “collega”, ha proclamato La La Land vincitore della statuetta più importante, leggendo unicamente il titolo del film. E la frittata è servita…

Ecco il comunicato con cui PricewaterhouseCoopers ha spiegato come sono andate le cose:

 

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.