15 marzo 1972, esce Il Padrino

91
0

11 candidature all’Oscar, 3 vittorie, tra cui ovviamente Miglior Film. Stiamo parlando di quello che probabilmente è il film più citato e studiato di tutti i tempi, Stanley Kubrick ammise che era il suo preferito in assoluto. E quella frase: “gli farò un’offerta che non potrà rifiutare”.

E dire che Francis Ford Coppola non lo voleva dirigere, ma limitarsi a produrlo (così come il sequel, Il Padrino Parte Seconda, al livello del primo per tanti versi e anche superiore). Fu George Lucas a convincerlo a dirigere, per motivi puramente economici. Chissà come sarebbe stato questo film, tratto dal libro di Mario Puzo (che peraltro, come anche per il suo Dracula e Bram Stoker, Coppola volle inserire prima del titolo, Mario Puzo’s The Godfather, per riconoscerne il valore – e infatti la sceneggiatura vinse l’oscar)

Mattatore del film fu, in mezzo ai vari Al Pacino, James Caan, Diane Keaton, Robert Duvall, John Cazale, tutti straordinari, ovviamente Marlon Brando, forse alla parte più importante della sua vita. Molto della caratterizzazione di Don Vito Corleone, incluso la sua voce roca, i rigonfiamenti sulla mascella (per farlo sembrare un bulldog, in onore alla sua caparbietà, disse lo stesso Brando), il modo in cui guardava e si muoveva, erano tutta farina del suo sacco. Talmente impressionante che non solo vinse l’Oscar, ma Robert De Niro, due anni dopo, vinse l’oscar interpretando un giovane Don Vito, modellato proprio sull’interpretazione di Brando.

Altre ricorrenze

  • 1943, nasce David Cronenberg, regista canadese de La Mosca e Inseparabili
  • 1959, nasce Renny Harlin, regista finlandese di Cliffhanger e Blu Profondo
  • 1975, nasce Eva Longoria, attrice al cinema (I Giorni dell’Odio) e in TV (Desperate Housewives)
  • 2009, muore Ron Silver, attore de Il Mistero Von Bulow e Blue Steel
CONDIVIDI

Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here