John Wick – Capitolo 2. Killer, pensionato, arrabbiato

Ecco. L'hanno fatto incazzare ancora...

80
0

John Wick – Capitolo 2
di David Leitch, Chad Stahelski
con Keanu Reeves, Riccardo Scamarcio, Claudia Gerini, Ian McShane, Common, Laurence Fishburne
Voto: videogame

Sapete qual è la differenza tra Jiu-Jitsu e il Ju-Jitsu? No?! Ecco perché John Wick farà di voi polpette. Non conoscete le raffinate varianti di lotta (la prima è la versione brasiliana) che il regista Stahelski (già stunt-man e controfigura di Reeves) gli ha insegnato.  Allora: nel primo John Wick Reeves, killer in pensione per lutto personale, distruggeva un esercito di killer perché gli avevano colpito il cane e la macchina. Rozzo il messaggio ironico (per alcuni era purezza di genere) “mi avete fatto incazzare, ergo vi uccido tutti” e andamento da videogame spara-spara. Questo sequel (meccanismo identico, messaggio: “mi avete tirato dentro di nuovo, non vi risparmierò”, stesso mondo parallelo di alberghi rifugio per il crimine, con moneta e leggi separate, attori italiani e trasferta romana) secondo alcuni ha pervertito la purezza del primo film di pura azione. Non so. Tolte brevi e antiquate parti parlate, potrebbe essere il gigantesco frammento di un videogame muto con rumori, su tutte le varianti dell’arte del “nudo uccidere”: iperbolico, ripetitivo, in cui si usa la pistola come un’arma da taglio in combattimento ravvicinato (e coltelli, matite, dita, eccetera). Tra un morto e l’altro Reeves compra abiti antiproiettile italiani, visita le catacombe, si inimica tutta la camorra dell’universo e torna nel solito albergo/mondo che funzionava da zona franca per i killer e che -sorpresa- d’ora in poi zona franca non sarà più, perché Reeves commette il peccato originale e spacca le regole del Paradiso. Dicono che da tanto successo di cinema  fumetto nascerà… un fumetto. I conti tornano: facendo finta di essere passato alla serie B orientale, Reeves si è fatto confezionare l’ennesimo film sul Paradiso Perduto. Il Matrix dei killer muti. L’obiettivo finale potrebbe essere un’installazione da Biennale con l’ologramma di Reeves che spara al pubblico.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori