La barca di Rachele Colombo va… va… va

Dai manoscritti originali del 700 l’ex cantante degli “storici” Calicanto elabora una nuova, eccellente e raffinata nella sua semplicità, riproposta delle canzoni da battello veneziane.

59
0

Rachele Colombo

Cantar Venezia – Canzoni da battello (book nota)

Voto: 9

“Venezia è un misterioso caleidoscopio e tutto dipende dal punto di vista con cui la sia guarda.” Quello, fascinoso, movimentato, coloratissimo, viscerale, di Rachele Colombo le viene dalla lunga – un percorso iniziato nel 2009 con l’esibizione al Festival VeneziaInCanto – ricerca dedicata alle canzoni da battello del 700 veneto. E dalla loro rielaborazione, analisi, riproposizione nella tonalità più adatta alla voce così immediata della ex cantante degli “storici” Calicanto e del duo Archedora.
Il punto di partenza è ancora antecedente e sta nel pregevole lavoro di ricerca operato da Sergio Barcellona e Galliano Titton e confluito nel ponderoso volume Canzoni da battello (IEI, 1999), che ne raccoglie oltre 500. L’attuale punto di arrivo è un magnifico doppio cd – distribuito nelle librerie da EDT – che porta lo stesso titolo e ne propone 40 nella “limatura” moderna e serena di Colombo.
Quattro gli obiettivi di questa riproposta, che dovrebbero essere, mutatis mutandis, i medesimi di ogni rielaborazione di materiale della tradizione storica del patrimonio popolare. Li elenchiamo come li scrive Rachele sul ricco booklet (66 pagine, con presentazione, partiture e testi in lingua, che però sarebbe stato meglio “tradurre” in italiano): 1) la divulgazione e riappropriazione dei canti attraverso una fruizione facilitata che ridia popolarità a un genere divenuto colto; 2) la possibilità di essere ricantati da cantanti non necessariamente professionisti; 3) la possibilità di essere risuonati semplicemente con una chitarra attraverso la trascrizione degli accordi come fosse un canzoniere; 4) la valorizzazione dei testi cantati con un’impostazione vocale non lirica che ne facilita la comprensione.
Il risultato è quasi sorprendente. Piacevole e scanzonato, con una strumentazione attuale e insieme vicina al gusto di allora – chitarra, mandola, tamburello, flauto, archi campionati… – e con i giusti arricchimenti strumentali e momenti corali. I testi sono bozzetti schietti e immediati, senza infingimenti, che riportano l’eco potente della coeva commedia dell’arte e ci fanno vivere luoghi, atteggiamenti, scherzi, pettegolezzi, corteggiamenti, ironie, amori, mestieri, rapporto con la natura e tutti i sapori di una vita spesa all’aria aperta tra canali, calli, campielli e sotoporteghi. Arrivando persino, nella loro regionale internazionalità, a esprimersi in francese in “Tant de valeur/Que ne suis-je la fleur?”, affidate alla voce preziosa di Catherine Robin.
Sempre con la logica stringente della conclusiva “El tempo è passegier”: “ El tempo è passegier,/ la vita ex un balen:/ chi la vol spender ben/ bisogna alegri star./ Donca cantemo,/ magnemo e bevemo,/ e incaso che amemo/ l’amor sia per gusto/ no mai per penar.”
Sono proprio l’essenzialità “pulita” e la teatralità semplice, così come le piccole “deviazioni” più attuali, della lettura di Colombo a convincere. A dimostrare come l’amore per Venezia e il suo territorio possa scaturire anche da punti di vista diventati ormai inusuali, ma che sono molto più veri, rispetto a quelli che offrono i balconi delle murate altissime delle navi da crociera che incrociano oggi nei canali.

CONDIVIDI
Raffaello Carabini
Che dire? Basta citare la cura di oltre 250 cd compilation di new age, jazz, world e quant’altro? Bastano una ventina d’anni di direzione artistica dell’Etnofestival di San Marino? Bastano i dieci come direttore responsabile di Jazz Magazine, Acid Jazz, New Age Music & New Sounds, Etnica & World Music? Oppure, e magari meglio, è sufficiente informare che sono simpatico, tollerante, intelligente... Con quella punta di modestia, che non guasta mai.