I Brit Floyd tornano in Italia per due concerti estivi

2900
0

Questo 2017 sembra essere un anno sabbatico e di transizione per i fan dei Pink Floyd: la band non tornerà mai più insieme, il tour di Roger Waters toccherà l’Europa (e l’Italia) solo nel 2018, David Gilmour ha suonato dal vivo l’ultima volta a settembre e chissà se e quando lo vedremo di nuovo su un palco.
Ma se nel frattempo la vostra voglia di Floyd è ancora alta, potete ingannare l’attesa con uno dei due concerti che i Brit Floyd terranno in Italia nel prossimo mese di luglio.
Non si tratta di una semplice cover band come ce ne sono tante, ma stiamo parlando di un enorme show-tributo che non deluderà nemmeno i fan più ortodossi della band.
La produzione è di altissimo livello e viene ricreata fedelmente la scena del The division bell tour del 1994, con tanto di schermo circolare, luci, laser e gonfiabili, arrivando vicinissimo alla magnificenza di un concerto dei Pink Floyd.

Oltre alla performance di classici tratti da album leggendari quali The dark side of the moon, Wish you were here, The wall e The division bell, i Brit Floyd offrono un tributo al disco Animals, che festeggia i 40 anni dall’uscita, con una brillante performance di Dogs e altre gemme musicali del repertorio dei Pink Floyd.

L’Immersion world tour è il progetto più ambizioso e potente a livello produttivo del gruppo, e queste sono le due date italiane:
28 luglio – Roma, Auditorium Parco della Musica
30 luglio – Piazzola sul Brenta (PD), Postepay sound

I biglietti saranno in vendita su Ticketone dalle ore 10 del 21 aprile.

CONDIVIDI
Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".