Addio a Giancarlo Coretti, fondatore dei Bisca

977
0
Giancarlo Coretti Bisca

Con un post pubblicato sulla loro pagina Facebook ufficiale, i Bisca hanno diffuso la notizia della morte di Giancarlo Coretti, fondatore, voce e chitarra della prima formazione di questo gruppo napoletano che in origine si chiamava Biska, con la “k”, con chiaro riferimento a quello che all’epoca era il loro genere musicale prediletto, lo ska.

Come ha raccontato il sassofonista Sergio Maglietta in un libro biografico intitolato Terremoti, l’idea nacque durante una riunione svoltasi proprio a casa di Coretti: «Si parla di formare un “gruppo” quando, ad un tratto, tutti scappano: era il giorno del fatidico terremoto». Coretti, Maglietta, Elio Manzo, Amedeo Fogliano e Bruno Esposito poco tempo daranno vita a una band che nel corso degli anni avrebbe subito varie trasformazioni.

Il loro esordio discografico avviene nell’82 con un EP intitolato semplicemente Bisca, che inaspettatamente ha successo in Austria. Due anni dopo pubblicano il primo album, SDS, e negli anni successivi ne seguiranno altri. Hanno successo soprattutto dal vivo, esibendosi non soltanto in Italia, ma anche in Francia, Germania e Spagna.

Bisca

A partire dai primi anni Novanta collaborano assiduamente con un altro gruppo napoletano, i 99 Posse, arrivando a fondersi nel ’94, assumendo il nome di Bisca99Posse e realizzando due album con questa formazione. L’esperienza finisce un paio danni più tardi e i Bisca riprendono il loro cammino, che, pur con diversi cambi di formazione, va avanti fino a poco tempo fa, con la pubblicazione di diversi album incisi in studio e dal vivo, e varie collaborazioni, tra gli altri con Caparezza, Piero Pelù e Gianni Maroccolo.

L’immagine che pubblichiamo è tratta dalla pagina FB dei Bisca ed è un ritratto di Giancarlo realizzato lo scorso luglio.

Giancarlo Coretti Bisca

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).