Buon compleanno Bono: 57 (e più) motivi per celebrarlo

3100
0

English version is  HERE.

Il 10 maggio 1960 nasce a Dublino, da Brendan Robert (Bob) Hewson, e Iris Elizabeth Rankin, Paul David Hewson, fratello minore di Norman. La famiglia del piccolo Paul era per metà cattolica, per metà protestante e viveva nella parte nord di Dublino, più precisamente nel sobborgo di Ballymun. Pochi anni dopo il giovane Paul, avrebbe iniziato a farsi chiamare Bono, da una idea del suo fraterno amico di Cedarwood Road Derek (Guggi) Rowen, riprendendo il nome di un negozio (tuttora esistente) in una traversa di O’Connell Street a Dublino, di apparecchi acustici, “Bonavox Hearing Aids”.

Abbiamo pensato di omaggiare il leader degli U2, l’uomo, marito, padre, attivista, e concedetecelo una delle persone più influenti nel mondo musicale e non perlomeno degli ultimi 30 anni (saranno d’accordo con noi milioni di suoi fan in tutto il mondo, a cui Bono – come noi – ha reso la vita più bella) scegliendo, con l’aiuto di Aaron U2Songs e  Matthias u2gigs (grazie per i vostri preziosi archivi) Gabriel U2Breathe e  Daniela U2360gradi (a tutti e 4 per il supporto e gli articoli) 57 (e più) momenti significativi nella vita di Bono.

Ovviamente, ce ne potrebbero essere 570 e non 57 di “highlights” nella vita di Bono; troppo grande è la sua arte e la sua persona da ridurne a soli 57. Tanti auguri Bono, grazie eternamente di tutto! Thanks for giving us a great life!

1) 1 maggio 1960: Viene abbattuto l’aereo spia americano Lockheed U-2 in prossimità della città siberiana Ekaterinburg. Steve Averill, oggi a capo della AMP Visual Design, e curatore di tutte le copertine degli album degli U2, propose ai giovani The Hype di cambiare il nome del gruppo, il 18 marzo 1978, in U2, giorno in cui la band vince un contest a Limerick, premio una sessione di registrazione con la CBS.

2) 30 gennaio 1972: Nella città di London Derry vengono uccisi 14 civili irlandesi dalle truppe dell’esercito britannico; la strage è uno dei fatti più salienti dei cosidetti Troubles, e venne ribattezzata Bloody Sunday. Bono e gli U2 hanno sempre convissuto con il problema della questione nord-irlandese, scegliendo da subito di appoggiare esclusivamente la pace. Sunday Bloody Sunday, che apre l’album War (pubblicato il 28 febbraio 1983) è il primo vero inno degli U2, e primo brano, tra i tanti, scritti da Bono sulle ferite della sua terra.

3) 10 settembre 1974: Muore improvvisamente la mamma di Bono, Iris, e la tragedia sconvolge la vita del giovane Paul, e della famiglia Hewson. Bono ha combattuto per tutta la sua vita con la sofferenza dovuta alla perdita della madre; il dramma della morte della mamma ha influenzato molte canzoni degli U2, tra cui il primo singolo in assoluto degli U2 Another Day, fino alla recente omonima canzone contenuta in Songs Of Innocence del 2014; dello stesso album fa parte The Crystal Ballroom, nome di un locale dove i genitori di Bono andavano a ballare, che poi divenne il McGonagle’s: Bono dichiarò in una intervista che se avesse potuto tornare indietro nel tempo, l’unico desiderio che voleva realizzato sarebbe stato suonare li con gli U2, davanti a sua madre, di modo che sarebbe potuta essere fiera di suo figlio e di cosa era diventato.

4) 25 settembre 1976: A seguito di un annuncio nella bacheca della Mount Temple Comprehensive School, apposto dal giovane Larry Mullen, alla ricerca di altre persone per formare una band, accorrono Bono, Dave Evans (in seguito diverrà The Edge), Adam Clayton, e altri frequentatori della scuola e amici di Bono. La “The Larry Mullen Band” dura pochi minuti, in quanto Bono spodesta subito Mullen nel ruolo di leader; i futuri quattro U2, 5 per circa un anno e mezzo con Dick Evans, presero prima il nome di Feedback, e poi The Hype. Dick Evans continuò a suonare con i Virgin Prunes, band di Dublino il cui leader era il fraterno amico di Bono, Gavin Friday (ad oggi tuttora amico e collaboratore di Bono e degli U2).

5) 25 maggio 1978: Grazie all’insistenza del giornalista di Hot Press Bill Graham, il giovane rampante manager Paul McGuinness va a vedere gli U2 al Projects Art Centre di Dublino e ne diventa il manager. Se gli U2 hanno avuto la carriera che tutti conosciamo, con tour da record e lauti guadagni discografici, il merito è anche di colui che è stato sempre definito il “quinto U2”. Paul McGuinness ebbe, tra l’altro, il merito di far avere, dalla metà degli anni’80, tutti i diritti d’autore, delle loro canzoni, agli U2 (e a lui). Dal novembre 2013 il nuovo manager degli U2 è Guy Oseary.

6) 26 settembre 1979: Esce l’EP Three, prima uscita ufficiale degli U2. Sul lato A Out Of Control, scritta da Bono la mattina del suo diciottesimo compleanno; in copertina il bambino Peter Rowen (il terzo dei fratelli Rowen, Andy e il già menzionato Guggi). Peter Rowen appare, tra l’altro,  anche sulle copertine di Boy (primo disco da studio degli U2, pubblicato il 20/10/1980) e di War (terzo disco da studio).

7) 8 dicembre 1980: Nella tragica notte in cui viene ucciso a New York John Lennon, gli U2 si trovano non molto distanti a suonare a Buffalo, durante il loro primo brevissimo tour nordamericano. Negli anni Bono, e gli U2, hanno spesso suonato in concerto cover dei Beatles e di John Lennon; ad oggi Bono ha una grande amicizia personale con il figlio Julian Lennon, condividendone alcune iniziative della sua fondazione, e ovviamente con Yoko Ono. Il giorndo dopo, il 9 dicembre 1980, gli U2 suonano per la prima volta in Canada.

8) 22 marzo 1981: Al termine di un concerto a Portland, Bono smarrisce una borsa, contenente, tra le altre cose, molti testi di future canzoni che sarebbero state inserite nel secondo album da studio, October (pubblicato il 12 ottobre 1981). L’inconveniente causò non pochi problemi alla gestazione del disco; nel 2004 la famosa valigetta gli fu restituita, dalla fan  originaria che la ritrovò nel 1983 in un appartamento vicino Tacoma.

9) 9 giugno 1981: Dopo un concerto all’ Hammersmith Palais di Londra, Bruce Springsteen (accompagnato da Pete Townshend) fanno visita agli U2; le carriere trionfanti di Springsteen e degli U2 avranno negli anni a seguire molti momenti in comune, da numerosi duetti in concerto, a partire dal 1987 fino al recente 2016 quando Bono è salito al Croke Park di Dublino durante uno show del Boss. Curiosamente, Bono nel 1999 introdusse Bruce Springsteen nella Rock’n’Roll Hall of Fame; il 14 marzo del 2005 fu la volta di Bruce nei confronti degli U2. Il primo dicembre 2014, addirittura Springsteen (preceduto da Chris Martin) sostituì Bono (convalescente dopo l’operazione al braccio), durante un evento RED, cantando insieme ai tre membri degli U2.

10) 16 agosto 1981: Gli U2 suonano per la prima volta allo Slane Castle, a supporto degli allora più affermati in patria Thin Lizzy di Phil Lynott. Allo Slane Castle sono legati due grandi momenti nella carriera degli U2: nel 1984, registrarono parte del quarto album da studio The Unforgettable Fire (il primo prodotto da Brian Eno e Daniel Lanois, pubblicato il primo ottobre 1984); il 25 agosto 2001 ed il primo settembre 2001 tennero due storici concerti, durante l’Elevation Tour. Durante il concerto del primo settembre, salì sul palco la allora adolescente Eve Hewson (secondogenita di Bono ed Ali Hewson), durante Sunday Bloody Sunday Bono ricordò in maniera calorosa e passionale le vittime degli attentati di Omagh del 1999.

11) 11 febbraio 1982: Prima di un concerto a New Orleans, gli U2 incontrano per la prima volta il fotografo Anton Corbijn,con cui realizzano il primo di tanti scatti fotografici; il fotografo, e regista olandese si legherà per sempre nella carriera di Bono e degli U2, realizzando tra l’altro le sessioni fotografiche per The Joshua Tree nel 1986, a Bodie.

12) 31 luglio 1982: Durante un festival a Gateshead, Bono si unisce ai Police duettando con Sting durante Invisible Sun; Bono e Sting negli anni successivi duetteranno ancora insieme, come nel giugno 1986 durante il Conspiracy of Hope Tour, organizzato da Amnesty International (una delle tante associazioni sostenute negli anni dagli U2), che contribuì ad aumentare la fama degli U2 negli USA, dove, tra gli altri, Bono duettò più volte con Lou Reed.

13) 21 agosto 1982: Bono e Alison Stewart, fidanzati dai tempi della Mount Temple Comprehensive School, si sposano a Raheny, sobborgo di Dublino, e trascorrono il viaggio di nozze in Giamaica nella villa di Chris Blackwell, proprietario della Island Records (che aveva all’epoca sotto contratto gli U2, dal 26 febbraio del 1980). Considerata da tutti come non solo fondamentale per la vita di Bono, ma per la stessa carriera degli U2, riuscendo a donare serenità e stabilità al marito, Ali è sempre riuscita a districarsi nello scomodo (per molte donne ) ruolo di moglie di rockstar. Bono le ha dedicato differenti canzoni in carriera, tra le altre Sweetest Thing,  All I Want Is You, Spanish Eyes e Song For Someone. Ha appoggiato ovviamente, negli anni le scelte di Bono, anche in campo umanitario; è ad oggi cofondatrice di EDUN, e fa parte di Chernobyl Children.

14) Novembre 1983: Nel novembre 1983, Bono, per la prima volta, si cimenta in un progetto extra-U2; produce infatti il brano Prodigal della band Fear of Falling; nel corso della sua carriera Bono ha scritto e prodotto diverse canzoni, e progetti di altri artisti, e soprattutto è apparso in numerosi duetti con altri musicisti. (Aaron U2Songs)

15) 8 luglio 1984: Bono si unisce, per la prima volta, in concerto col grande Bob Dylan, allo Slane Castle, durante Leopard Skin Pillbox Hat e Blowin’ In The Wind. Negli anni a seguire ci saranno altri duetti dal vivo. Bob Dylan è coautore con Bono del testo di Love Rescue Me, nel sesto album da studio degli U2 Rattle And Hum (pubblicato il 10 ottobre 1988). Durante la loro carriera, gli U2 hanno eseguito spesso cover di Bob Dylan, tra cui Knockin’ On Heaven’s Door, All Along The Watchtower, I Shall Be Released. (Gabriel U2Breathe)

16) 25 novembre 1984: Bono e Adam Clayton volano a Londra per partecipare alle registrazioni di Do They Know it’s Christmas?, per il progetto Band Aid, organizzato da Bob Geldof; i proventi del singolo andarono a favore dell’Etiopia. Bono spicca in mezzo ai tanti musicisti di fama mondiale dell’epoca, con i versi <<And the Christmas bells that ring there Are the clanging chimes of doom. Well tonight thank God it’s them instead of you>>. Nel 2004 Bono sarà insieme a Paul McCartney, l’unico artista partecipante alla edizione del Band Aid 20; parteciperà anche nell’edizione del 2014 per i 30 anni di Band Aid. Questa storica collaborazione del 1984 si rivelò determinante per il futuro della carriera degli U2 e dell’attivismo verso l’Africa di Bono.

17) 4 febbraio 1985: Finalmente gli U2 arrivano per la prima volta in Italia, in concerto a Milano durante il The Unforgettable Fire Tour. Bono apre il concerto così: <<Buonasera Milano! La prima, ma non l’ultima.. volta!>>. Promessa mantenuta, ad eccezione del LoveTown Tour del 1989, in tutti i successivi tour gli U2 toccarono l’Italia, stabilendo con i fan italiani e l’Italia un grande legame che resta saldo tuttora ad oggi. Tra i più celebri concerti, quello del 27 maggio 1987 (in cui gli U2 fecero tremare i vetri delle vicine abitazioni dello Stadio Flaminio), e quello del 21 luglio 2001 allo Stadio Delle Alpi di Torino, dove nei giorni precedenti Bono incontrò vari leader politici impegnati nel G8 di Genova.

18) 13 luglio 1985: Gli U2 partecipano al Live Aid allo stadio di Wembley, a Londra. Bono allunga l’esecuzione di Bad, scendendo dal palco per abbracciare una fan, facendo saltare l’esecuzione di Pride. Il gesto, criticato dagli altri U2 e da McGuinness, fece il giro del mondo dando grande visibilità agli U2. Leggenda vuole che Freddie Mercury rimase male che Bono avesse oscurato la performance dei suoi Queen. Successivamente al Live Aid Bono ed Ali fecero un viaggio in Etiopia, il primo di tanti viaggi futuri per Bono in Africa, continente per cui si batte da anni per il miglioramento delle condizioni politico-economiche-sociali. Il 2 luglio del 2005, in pieno Vertigo Tour, gli U2 aprono il Live 8 a Londra, suonando con Paul McCartney Sgt. Pepper Lonely Hearts Club Band.

19) 11 novembre 1985: Bono partecipa al progetto Sun City organizzato da Little Steven, contro l’apartheid del Sud Africa; partecipa alla canzone omonima e scrive per l’occasione Silver And Gold, che vede la presenza di Keith Richards e Ron Wood dei Rolling Stones. La canzone verrà reincisa dagli U2 ed è presente come bside del singolo Where The Streets Have No Name (pubblicato il 31 agosto 1987), terzo singolo estratto da The Joshua Tree (quinto album da studio degli U2, pubblicato il 9 marzo 1987).

20) Gennaio 1986: Esce il singolo In a Lifetime della band irlandese Clannad: Bono duetta in maniera esemplare con Maire Brennan; il video è diretto da Meiert Avis, regista di molti video degli U2, tra cui il primo in assoluto, I Will Follow.

21) 8 luglio 1986: Bono (con Ali) presenzia al funerale maori in Nuova Zelanda di Greg Carrol, membro della crew degli U2, grande amico di Bono ed Ali, ucciso da un pirata della strada mentre stava andando a ritirare la nuova Harley Davidson di Bono a Dublino. Bono resterà per sempre scioccato dalla morte del suo amico, scrivendo la bellissima One Tree Hill e dedicando l’intero The Joshua Tree all’amico neozelandese. Al funerale esegue Let It Be e Knockin’ On Heaven’s Door.

22) 27 aprile 1987: Sull’onda del successo di The Joshua Tree, gli U2 si avviano a diventare ” la più grande rockband del pianeta”; finiscono addirittura sulla prestigiosa copertina del Time. L’onore, anni dopo, tocca a Bono: il 4 marzo del 2003 la copertina del Time recita la scritta “Can Bono save the world?“. Nel 2005 ci finisce con Bill e Melinda Gates: il Time li definisce “Persons of the year” e “The good samaritans” grazie al loro attivismo con la ONE Campaign. Gli U2 ritornano sulla copertina del Time il 29 settembre del 2014, pochi giorni dopo la pubblicazione (9 settembre) del tredicesimo album da studio, Songs Of Innocence.

23) 2 marzo 1988: Gli U2 vincono i primi due Grammy Awards della loro leggendaria carriera, grazie a The Joshua Tree “Album of the Year” e I Still Haven’t Found What I’m Looking for “Best Rock Performance by a Duo or Group”. Ad oggi gli U2 sono la band che detiene più Grammy Awards vinti in assoluto, ben 22. Il 24 febbraio 1999  Bono sarà il primo membro degli U2 ad esibirsi, senza gli altri tre, ad una cerimonia dei Grammy Awards: esegue Lean On Me con Kirk Franklin, Mary J. Blige,  Crystal Lewis. (Daniela @daniDpVox)

24) 30 gennaio 1989: Esce l’album Mystery Girl , di Roy Orbison; Bono compone (con The Edge alla chitarra) nei prestigiosi Sun Studios, nel 1987, la bellissima She’s a Mystery to Me, realizzando di fatto la prima grande collaborazione con un artista americano. Successivamente Bono (con o senza gli U2) collaborerà con altri prestigiosi artisti, tra cui BB King, Willie Nelson, e Frank Sinatra. (Aaron U2Songs )

25) 10 maggio 1989: Nel giorno del suo ventinovesimo compleanno, nasce la primogenita di Bono ed Ali, Jordan; Bono la porterà sul palco a 5 mesi durante un concerto a Brisbane il 3 ottobre 1989 durante il LoveTown Tour. Il 7 luglio 1991 nasce la sorella, Memphis Eve Sunny Day, oggi attrice; il 18 agosto 1999 nasce il terzo figlio dei coniugi Hewson, Elijah Bob Patricius Guggi Q; il 21 maggio del 2001 il quarto ed ultimo figlio, John Abraham.

26) 30 dicembre 1989: Durante il terzo di quattro storici concerti degli U2 al Point Depot di Dublino, Bono, prima di Love Rescue Me, annuncia che è arrivato il momento per gli U2 di «scomparire per un po’ e tornare a immaginare tutto di nuovo». Bono annuncia la fine di un’ era per gli U2; la svolta si chiama Achtung Baby (settimo album da studio, pubblicato il 18 novembre 1991), nuovi suoni, nuova immagine, nuovo modo di comunicare, nuovo modo di pensare un tour e muoversi sul palco. Gli U2 portano in giro per il mondo il trionfale Zoo Tv Tour, schermi, trabant, frasi ad effetto, e Bono si diverte a indossare, sul palco, le maschere di The Fly, Mirrorball Man, e dalla quarta leg quella di MacPhisto.

27) 20 giugno 1990: Bono, con Adam Clayton, duetta con David Bowie, durante un suo concerto a Richfield, nella canzone Gloria di Van Morrison. David Bowie è stato, come Joe Strummer ed altri, una delle Muse ispiratrici di Bono. Bono lo ha definito  «la mia idea di rockstar» in un articolo scritto per Rolling Stone a seguito della morte del grande artista il 10 gennaio 2016. Pochi mesi dopo il duetto con Bowie, Bono e gli U2 sarebbero volati nella ancora, per pochi giorni, Berlino Est, per iniziare le registrazioni di Achtung Baby, negli Hansa Studios.

28) 20 giugno 1992: Bono, Ali, e gli U2 partecipano alla protesta di Greenpeace contro il nucleare a Sellafield; il giorno prima gli U2, insieme ai Public Enemy, Big Audio Dynamite II, Kraftwerk suonano a Manchester lo “Stop Sellafield Concert” . Il 23 novembre 1995 Bono, ritirando con gli U2 il premio come “miglior gruppo” agli MTV Europe Music Awards, prende di mira il Presidente della Francia Chirac, che aveva autorizzato test nucleari nell’ Atollo di Mururoa.

29) 8 luglio 1993: Il giorno seguente i due trionfali concerti di Roma degli U2, 3 giorni dopo la pubblicazione di Zooropa (ottavo album da studio degli U2), Bono effettua degli scatti fotografici vestito da The Fly e MacPhisto, addirittura tra i colonnati della Basilica di San Pietro. L’11 agosto 1993, durante il primo di 5 concerti a Wembley, MacPhisto telefona a Salman Rushdie, presente allo stadio, che lo raggiunge sul palco abbracciandolo: fu la sua prima  apparizione in pubblico, poichè costretto a vivere in anonimato a causa della condanna a morte da parte dell’Ayatollah Khomeini per il suo libro The Satanic Verses.

30) 2 novembre 1993: Esce l’album Duets di Frank Sinatra, dove è contenuto lo splendido duetto I’ve Got You Under My Skin tra Bono e Frank Sinatra. Il brano è presente, come bside, nel singolo di Stay (Faraway, So Close!). La prima volta che Sinatra incontrò Bono e gli U2 fu nell’aprile 1987, ad una serata di gala a Las Vegas, dove gli U2 erano impegnati nel tour di The Joshua Tree (leggenda vuole che Sinatra non apprezzò il look di quella sera dei quattro irlandesi). Il 2 novembre del 2015, Bono e The Edge eseguono Two Shots of Happy, One Shot of Sad per uno show della CBS, trasmesso il 6 dicembre 2015, in onore di quello che sarebbe stato il centenario della nascita di Frank Sinatra.

31) 19 gennaio 1994: Bono introduce Bob Marley alla Rock and Roll Hall of Fame, per poi esibirsi con Rita e Ziggy Marley, e con Whoopi Goldberg, in One Love.

32) 25 gennaio 1994: Viene pubblicata la colonna sonora di In the Name of the Father, film diretto dall’amico regista irlandese Jim Sheridan, sul tema dell’IRA e dei Troubles; il regista contatta Bono e Gavin Friday, per scrivere parte della colonna sonora. Bono e Gavin scrivono 3 canzoni: In the Name of the Father, Billy Boola (in entrambe cantano), e You Made Me The Thief of Your Heart (eseguita da Sinead O’Connor). Quest’ultima, insieme a Stay (Faraway, So Close!) fu nominata per la categoria “Best Original Song” ai Golden Globe Awards del 1994, ma vinse il prestigioso premio Streets of Philadelphia di Springsteen. (Aaron u2songs)

33) 1 agosto 1995: Bono partecipa all’album tributo a Leonard Cohen Tower of Song: The Songs of Leonard Cohen, eseguendo una cover di Hallelujah (che produce con l’aiuto di Howie B.) Il 19 maggio del 2005 gli U2 si esibiscono con il grande artista in Tower of Songs, e vengono inseriti nel film Leonard Cohen: I’m Your Man.

34) 12 settembre 95: Bono, The Edge e Brian Eno partecipano a Modena al Pavarotti and Friends, eseguendo una versione stupenda di One, e, prima, per la prima volta Miss Sarajevo, con la partecipazione del grande Tenore. La canzone fu scritta da Bono pensando al conflitto dell’Ex Jugoslavia, e il Maestro Pavarotti vide esaudire la sua richiesta di cantare finalmente con Bono, tantoché divenne l’unico singolo dell’album dei Passengers Original Soundtracks 1 (pubblicato il 6 novembre 1995); i Passengers non erano altro che gli U2 e Brian Eno. Bono e Pavarotti divennero grandi amici, e Bono non smise di supportare Pavarotti e il War Child negli anni successivi. Il 27 maggio 2003 Bono partecipa nuovamente al Pavarotti and Friends, interpretando Miserere con Zucchero (nel 1992 Bono contribuì al testo in inglese di Miserere, pubblicata da Zucchero), One, e una struggente Ave Maria (cambiandone dei versi).

35) Novembre 1995: Bono e The Edge compongono e producono Goldeneye, eseguita da Tina Turner, per l’omonimo film interpretato da Pierce Brosnan nel ruolo di James Bond; il film fu di grande successo. Curiosamente, Goldeneye era la villa in Giamaica del creatore della saga di James Bond, Ian Fleming, che fu venduta a Chris Blackwell nel 1977, proprietario della Island, dove soggiornarono in viaggio di nozze nel 1982 Bono ed Ali. (Aaron u2songs )

36) 30 dicembre 1995: Bono, accompagnato da Ali, fa visita a Sarajevo, da poco uscita dal tremendo conflitto che dilaniò l’Ex Jugoslavia nei primi anni’90, recandosi tra l’altro nella National Library, biblioteca tra le più belle al mondo completamente distrutta. Nel 1993, collegandosi in pieno Zoo Tv Tour con il giornalista Bill Carter, dal fronte di Sarajevo, Bono si convinse che gli U2 avrebbero dovuto suonare lì. Non potendo farlo durante quel tour, supportò il progetto Miss Sajevo di Bill Carter, e mantenne la promessa, suonando lo storico concerto del 23 settembre 1997, durante il Popmart (tour a supporto di Pop, nono album da studio pubblicato il 3 marzo 1997), nello Stadio Kosevo di Sarajevo, concerto in cui perse la voce e fu aiutato da The Edge, e soprattutto dal pubblico, festante e finalmente non in guerra.

37) 22 novembre 1997: Muore suicida Michael Hutchence, leader degli INXS, compagno di Paula Yates ed amico fraterno di Bono. Il cantante degli U2, in pieno Popmart, non mancherà di ricordare Hutch in ogni concerto. Nel settembre 1999, viene pubblicato, postumo, Slide Away, brano tratto da un album solista a cui Hutchence stava lavorando, prima della sua morte, e in cui Bono incide nuovi versi, sulla base dei testi di Hutchence. Il 30 ottobre del 2000 gli U2 pubblicano il decimo album da studio, All That You Can’t Leave Behind, in cui è contenuta Stuck in a Moment You Can’t Get Out Of, brano dedicato alla memoria dell’amico australiano.

38) 05 febbraio 1998: Gli U2 suonano per la prima volta in Argentina, durante il Popmart. Al termine del concerto, Bono, al ritorno in albergo, esegue Mothers of the Disappeared a capella, sia in inglese che in spagnolo (il brano verrà pubblicato nell’album Ni Un Paso Atras): ad assistere ci sono, tra gli altri, tre delle Madres de Plaza de Mayo, tra cui la Presidentessa Hebe de Bonafini. Pochi giorni dopo, una folta delegazione delle Madres de Plaza de Mayo salirà sul palco con gli U2 a Santiago, nel Chile, al termine di One, scandendo i nomi dei figli durante Mothers of the Disappeared, in un epico concerto in cui Bono si rivolge più volte all’allora dittatore cileno Pinochet.

39) 18 maggio 1998: Gli U2 si esibiscono a Belfast, alla Waterfront Hall, con gli Ash, per un concerto a favore dello “Yes Campaign”. Bono, si rende testimone della storica stretta di mano tra i leader politici irlandesi John Hume dello SDLP e David Trimble, leader Unionista dell’Ulster. Sulla copertina del quarto singolo estratto da Pop, Please, compaiono oltre ai sopra citati leader irlandesi, anche Gerry Adams, leader del partito Sinn Féin, e Ian Paisley, leader del partito Democratic Unionist. (Gabriel U2Breathe)

40) 23 settembre 1999: Bono si getta a capofitto nella campagna Jubilee 2000, volta a far cancellare nel terzo millennio il debito dei Paesi del cosiddetto, terzo mondo. Aderisce alla campagna Drop the Debt, che vede impegnati tra gli altri il suo amico di vecchia data Bob Geldof. Il 23 settembre, Bono e Geldof con una delegazione di Jubilee 2000 incontrano, nella residenza di Castel Gandolfo, Papa Giovanni Paolo II, impegnatosi ad aiutare il Comitato per la cancellazione del debito. Al termine dell’incontro, Bono regala al Papa un libro del Premio Nobel Seamus Heaney, ma il Papa volle indossare gli occhiali di Bono. Il leader degli U2, ricevette un crocifisso, che aveva addosso anche la sera della morte del Pontefice, il  2 aprile 2005, in un concerto ad Anaheim durante il Vertigo Tour. (Gabriel U2Breathe)

41) 11 novembre 1999: Bono viene premiato del Free Your Mind Award, agli MTV Europe Music Awards al Point Depot di Dublino per il suo impegno in Jubilee 2000 e NetAid. Al termine della serata, si esibisce con Iggy Pop e Marilyn Manson in Johnny B.Goode e TV Eye. (Daniela U2360gradi)

42) 9 febbraio 2000: Viene presentato al Berlin International Film Festival il film The Million Dollar Hotel, scritto da Bono e Nicholas Klein, diretto da Wim Wenders, con l’intera colonna sonora prodotta da Bono e lo stesso Wenders. Tra gli interpreti Mel Gibson e Milla Jovovich (Bono fa un breve cameo). L’idea del film venne a Bono addirittura mentre gli U2 stavano cercando la location per il video di Where The Streets Have No Name; il Million Dollar Hotel altro non era che il The Rosslyn Million Dollar Hotel, la cui insegna si vede nel video del capolavoro tratto da The Joshua Tree. Gli U2 contribuiscono con tre brani, The First Time, Stateless e The Ground Beneath Her Feet; in altre canzoni sono presenti i tre U2, oltre a Daniel Lanois. The Ground Beneath Her Feet, scritta da (e con) Salman Rushdie e contenuta nell’omonimo libro dello scritto viene eseguita (preceduta da All I Want Is You) Il 26 febbraio 2000 da Bono e The Edge, che partecipano per la prima volta, al Festival di Sanremo, condotto da Fabio Fazio, affiancato da Luciano Pavarotti.

43) 18 marzo 2000: Gli U2, e Paul McGuinness, ricevono la The Freedom of the Dublin City; la stessa onorificenza viene riservata al leader dell’opposizione birmana Aung San Suu Kyi; All That You Can’t Leave Behind fu bandito dalla Birmania per l’appoggio dato a Aung San Suu Kyi da parte degli U2 con la canzone a lei dedicata Walk On. (Daniela U2360gradi)

44) 21 agosto 2001: Muore, dopo una battaglia col cancro, il padre di Bono, Bob Hewson. La sera stessa, Bono, con un volo da Dublino, arriva a Londra, non rinunciando a un concerto con i suoi U2, in pieno Elevation Tour. Dedica al padre Kite, non più malato ma libero. Al funerale intonerà Sometimes You Can’t Make It on Your Own, brano che poi verrà inserito dagli U2 nell’undicesimo album da studio How To Dismantle An Atomic Bomb (pubblicato il 22 novembre 2004), in cui Bono dice al papà, amante della lirica «tu sei la ragione per cui l’opera è in me».

45) Gennaio 2002: Bono, insieme a Bobby Shriver, crea l’organizzazione non governativa D.A.T.A. (Debt, AIDS, Trade, Africa), con lo scopo di proseguire le azioni di Drop The Debt e Jubilee 2000. Il 16 maggio 2004 nasce ONE Campaign, allo scopo di sensibilizzare opinione pubblica e leader politici sull’estrema povertà e disagi socio-economici dell’Africa. Il 26 gennaio del 2006 viene presentata al World Economic Forum, a Davos, in Svizzera, (RED), altra organizzazione no-profit fondata da Bono e Shriver, con lo scopo di far commercializzare a vari marchi prodotti (RED) di modo da poter devolvere parte delle vendite al Global Fund ed aiutare a debellare l’AIDS dall’Africa. Nel gennaio 2008 D.A.T.A e ONE Campaign si fondono in ONE. Tra i tanti sostenitori e partner, ricordiamo Bill and Melinda Gates

46) 3 febbraio 2002: Gli U2 suonano al SuperBowl eseguendo Beautiful Day, MLK, e una indimenticabile versione di Where The Streets Have No Name, con i nomi delle vittime degli attentati dell’11 settembre 2001 che scorrono sugli schermi. La tragedia delle Torri Gemelle toccò moltissimo tutta la band; furono il primo gruppo a tornare negli Stati Uniti, con la terza leg dell’Elevation Tour; durante alcuni concerti molti vigili del fuoco e personale medico di emergenza furono invitati sul palco.

47) 21 febbraio 2003: Bono viene premiato con il MusiCares Person of the Year 2003; lui e The Edge, per l’occasione, eseguono That’s Life, Night and Day, The Hands That Built America. Quest’ ultima, realizzata per la colonna sonora di Gangs of New York, vinse il Golden Globe Award 2003 ma fu battuta da Lose Yourself di Eminem nella corsa agli Oscar 2003 come “Best Original Song”.

48) 21 giugno 2003: Gli U2 si esibiscono alla Cerimonia Inaugurale delle Special Olympics Summer Games, a Dublino, accompagnati da una orchestra. Durante Pride, Bono invita Nelson Mandela sul palco. Il rapporto tra Bono e Mandela toccò altre leggendarie vette, successivamente. Il 29 novembre 2003, Bono e The Edge, con altri artisti, partecipano a un concerto a Cape Town, in Sud Africa, organizzato per raccogliere fondi per la lotta all’AIDS, eseguendo, tra le altre 46664 (Long Walk to Freedom), scritta da Bono con Dave Stewart, Youssou N’Dour e Abdel. Il 29 novembre 2013 gli U2 pubblicano Ordinary Love, inserita nella colonna sonora del film Mandela: Long Walk to Freedom: vincono il Golden Globe Awards come Best Original Song, ma perdono nella corsa agli Oscar Academy Awards 2014.

49) Febbraio 2005: Bono vince il prestigioso TED Prize per l’anno 2005, grazie al suo impegno con ONE Campaign per l’Africa; nel luglio 2005 si sarebbe svolto il G8 incentrato sulle tematiche del debito del continente africano. Tra gli altri impegni assunti da Bono e dagli attivisti di ONE, fare arrivare Internet ad ospedali, scuole, villaggi di ogni Paese africano. E garantire alle donne libertà da ogni forma di sessismo. (Daniela @daniDpVox)

50) 25 marzo 2007: Tra il mese di marzo e quello di maggio Bono è intensamente impegnato sul fronte dell’attivismo. Il 25 marzo riceve a Berlino il premio per il Global Engagement agli Echo Music Awards; 4 giorni dopo, il 29 marzo, viene nominato “Knight Commander of the Most Excellent Order of the British Empire” (Daniela @daniDpVox). Il 15 maggio, con Geldof e Groenemeyer, partecipa ad una conferenza a Berlino per D.A.T.A. criticando aspramente i leader del G8 per il loro ritardo nel mantenimento delle promesse verso l’Africa (Matthias). Il 7 giugno 2007 partecipa a Rostock al concerto Deine Stimme gegen Armut, eseguendo Redemption SongGet Up Stand Up con Bob Geldof e Youssou N’Dour; You Never Give Me Your Money e Carry That Weight con Youssou N’Dour, Bob Geldof e Campino della band tedesca Die Toten Hosen; Mensch con l’artista tedesco  e organizzatore dell’evento Herbert Groenemeyer. (Matthias u2gigs)

51) 14 settembre 2007: Bono partecipa alla colonna sonora del film Across the Universe, cantando nell’omonima canzone con la band Secret Machines, e in Lucy in the Sky with Diamonds con The Edge; compare addirittura nel film con il cameo del Dr. Robert.

52) 12 dicembre 2008: Bono vince il premio “Man of Peace” per il suo attivismo nel combattere la povertà estrema. Il suo attivismo, unito al desiderio di pace che hanno contraddistinto la vita e la carriera del leader degli U2, hanno portato più volte Bono ad essere tra i candidati (senza vincerlo) al Nobel della Pace, esattamente nel 2003, 2005, 2006 e 2010.

53) 5 novembre 2009:  Gli U2 si esibiscono di fronte il Brandeburg Gate a Berlino, per le celebrazioni dei venti anni dalla caduta del Muro di Berlino; l’evento fu trasmesso agli MTV 2009 Europe Music Awards. (Matthias u2gigs) Nel 2009 Bono e la sua band fu testimone di un altro evento storico: il 18 gennaio sono tra gli artisti partecipanti al ” We Are One: The Obama Inauguration At The Lincoln Memorial”, la celebrazione ufficiale che precede l’inaugurazione di Barack Obama come presidente degli USA. Il 24 dicembre 2009 si esibisce a Grafton Street, a Dublino, per i senzatetto della città con altri artisti, tra cui Glen Hansard e Damien Rice; la tradizione si ripeterà quasi tutti gli anni successivi.

54) 14 giugno 2011: Finalmente, dopo continui rimandi e problemi vari arriva il giorno della prima mondiale a Broadway del Musical Spider-Man: Turn Off the Dark, con musiche scritte e prodotte da Bono e The Edge. Nonostante le recensioni negative, e i problemi di gestazione, il Musical ottenne incassi record (Aaron U2Songs). Nel 2011 si conclude anche il 360° Tour degli U2 (tour a supporto del dodicesimo album da studio degli U2, No Line On The Horizon, pubblicato il 2 marzo del 2009), che detiene ad oggi il record mondiale per incassi e numero di biglietti venduti.

55) 17 novembre 2014: Bono, terminate le registrazioni per il Band Aid 30 a Londra, vola a New York, e mentre è sulla sua bicicletta a Central Park, cade rovinosamente procurandosi diverse fratture. Viene operato d’urgenza, mettendo a rischio l’inizio dell’Innocence + Experience Tour previsto per il 14 maggio 2015 (tour a supporto del tredicesimo album da studio, Songs Of Innocence, pubblicato il 9 settembre 2014). Il tour partirà senza problemi, ma Bono, ad oggi non è ancora in grado di suonare la chitarra. Nel maggio 2010, durante le prove per la terza leg del 360° Tour, cadde e fu operato alla schiena. Episodio analogo accadde nel 1987, durante il tour a supporto di The Joshua Tree, Bono cadde durante il concerto, slogandosi una spalla. Nel 1999 fu operato alla gola; l’intervento condizionò parte dell’Elevation Tour, partito a marzo 2001. Da anni Bono afferma di indossare gli occhiali da sole, durante i concerti ed in pubblico perché sofferente di glaucoma.

56) 7 dicembre 2015: Gli U2 sono sul palco di Parigi alla AccorHotels Arena, per l’ultima data dello Innocence + Experience Tour, dopo essere stati costretti a rimandare le date originariamente previste per il 14 e 15 novembre 2015, a seguito degli attentati di Parigi. Sale sul palco con gli U2 la band degli Eagles of Death Metal testimoni degli attentati al Bataclan; eseguono con gli U2 People Have The Power (la sera prima suonata dagli U2 con Patti Smith). Come nel 2001, Bono e gli U2 si trovarono ad essere testimoni diretti di uno dei più grandi attentati terroristici del terzo millennio.

57) 1 aprile 2016: Bono visita il campo profughi siriano a Gaziantep, in Turchia, ed esegue con dei bambini ospiti del campo The People In Your Neighborhood. Il tema dei Refugees fu affrontato da Bono e gli U2 anche nell’Innocence + Experience Tour, dedicando buona parte della seconda metà dello show. Bono tra il 2015 e il 2016 si è battuto più volte per il tema dei rifugiati in numerosi incontri per ONE e (RED). Il tema dei rifugiati e delle frontiere chiuse, è stato uno dei tanti motivi per cui Bono ha più volte criticato il neo Presidente degli USA, Donald Trump: durante i concerti degli U2 a Las Vegas, il 23 settembre agli iHeart Radio Music Festival, e a Daly City, il 5 ottobre per l’evento Salesforce Dreamfest, Bono non ha lesinato attacchi al Tycoon. Secondo le dichiarazioni di Bono e degli U2, l’avvento di Trump ha portato gli U2 ad interrompere le registrazioni di Songs of Experience (la cui uscita è prevista per l’autunno 2017), e a fare un tour celebrativo per i trent’anni di The Joshua Tree, per le similitudini della politica di Ronald Reagan con quella di Trump.

Articolo di: Angelo D’Arezzo
Grazie a U2Songs u2gigs U2Breathe U2360gradi
Grazie a Claudia Assanti per la traduzione in inglese e l’aiuto.

CONDIVIDI
"#U2NewsIT: l'hashtag italiano per le notizie sugli U2 nel mondo" in collaborazione con U2360GRADI.it (@U2360gradi) | U2 Breathe (@U2_Breathe) | U2 - In The Name Of Love 2 U (@U2ITNOL2UU2) | *I Love U2* [FB] | Le Migliori Frasi Degli U2 [FB]