Eurovision Song Contest 2017: i tweet irriverenti della prima semifinale

238
0

La prima delle due semifinali dell’Eurovision Song Contest, in diretta da Kiev, non ha certamente deluso le aspettative di chi voleva trascorrere un paio in leggerezza. Tanti cantanti in gara (ben 18) e altrettante nazioni, molte delle quali hanno deciso di optare per la lingua inglese (ma non il nostro Francesco Gabbani, che ha deciso di cantare la sua Occidentali’s Karma in lingua originale).

Non sono mancate, come sempre, coreografie stile SuperBowl (come dimenticare il cantante/ballerino del Montenegro?), vestiti sfavillanti e grandi acuti (qualcuno non proprio perfetto, ma possiamo perdonarlo). Ogni artista in gara cerca di attirare l’attenzione attraverso la propria performance, tranne la bella cantante del Belgio, minimalista sia nel cantato che nell’abbigliamento, presentandosi in scena con un abito lungo nero e senza troppi sorrisi. Ansia da palco o approccio fuori dal coro?

Ciò che è certo è che la cosa più divertente della serata, come ogni anno, è il commentare sui social, e soprattutto su Twitter, inondato di post con gli hashtag #Eurovision, #ESCita e #Esc2017.

Noi stessi, lo ammettiamo, ci siamo divertiti a commentare lo spettacolo e a leggere i vari commenti, in primis quelli su Gabbani, che fa capolino durante la diretta con una breve intervista. C’è chi immagina già la performance della finalissima («Se la scimmia di Gabbani si mette a ballare con epic sax guy possono chiudere qui l’»

Ovvimente non mancano nemmeno commenti sull’abbigliamento dei concorrenti («Momenti top fin ora: -Montenegro che fa l’elicottero con la treccia -La presenza di Sailor Moon punk», «La nuova stagione di Sailor Moon! Sailor Lettonia», «Quello della Slovenia sembra il Robbie Williams dei poveri»). Non sono mancati nemmeno i commenti sull’esito finale del televoto («DOVE CAZZO HANNO LASCIATO MONTENEGRO, LA NOSTRA FONTE DI TRASH») e chi ci tiene molto a difendere lo spirito del programma ( «Carine queste canzoni, belle, orecchiab… MA IO VOGLIO IL TRASH!», «COMINCIA IL TRASH, GRAZIE MONTENEGRO!!»).

https://twitter.com/EurovisionRai/status/862023309747253251

C’è anche chi sogna duetti particolari («L’UOMO CAVALLO DELL’AZERBAIJAN LO VOGLIO A BALLARE IN COPPIA CON LA SCIMMIA DI GABBANI»), e chi vorrebbe brani più allegri («Ma una canzone spensierata, allegra, non urlata?»). Vengono notati anche i chiari riferimenti anni ’90 («La Svezia con i suoi pezzotti dei take that fa sempre paura») .

Un capitolo parte lo meritano i tre presentatori, soprattutto  l’ucraino Volodymyr Ostapchuk ,che ha esordito così, in inglese: «Buongiorno Ucraina, Europa, pianeta Terra», sottolineando quindi la presenza dell’Australia in gara.

Chi si è divertito meno ieri sera è lo staff di Eurofestival News, che in un lungo post ha criticato aspramente l’organizzazione da parte di Rai4, a cominciare dalla storpiatura del nome Eurovision da parte dei commentatori.

Ricordiamo che le nazioni qualificate della prima semifinale sono: Moldavia, Azerbaijan, Grecia, Svezia, Portogallo,Polonia, Armenia, Australia, Cipro e Belgio.

Concludiamo il nostro racconto social in modo patriottico anche noi, usando questa simpatica Gif:

CONDIVIDI
Claudia Assanti
Nata in Calabria, classe '86. Un diploma di Liceo Scientifico che però mi ha portato ad una laurea in Lingue e Letterature straniere. La musica e la letteratura sono sempre state la colonna portante della mia vita in ogni loro sfumatura. Sognatrice ostinata ma realista al punto giusto.