Cinema: il weekend delle grandi firme

27
0
Charlie Unnam

Il weekend al cinema propone il ritorno di alcuni grandi registi. Dietro, ma anche davanti la macchina da presa. In mezzo a tanti nomi importanti, c’è anche un sicuro blockbuster. Noi, come tutti i venerdì, vi segnaliamo cinque nuovi film che hanno attirato la nostra attenzione.

King Arthur: Il potere della spada di Guy Ritchie dovrebbe essere il primo di sei film che la Warner Bros. vuole dedicare alla figura di Re Artù. L’ex marito di Madonna dirige un cast nel quale figurano Charlie Unnam, Àstrid Bergès-Frisbey, Jude Law ed Eric Bana, per raccontare la storia del giovane Artù, chiamato a lottare contro il tiranno Vortigern, con l’ausilio della spada di Excalibur.

Ridley Scott torna sul luogo del delitto e firma Alien: Covenant, sequel di Prometheus e secondo prequel della saga di Alien. La trama è incentrata sull’equipaggio della nave Covenant, intento a colonizzare un lontano pianeta, che si rivelerà un mondo pericoloso ostile. Il protagonista principale è Michael Fassbender.

L’arrivo nelle sale di un nuovo film di Terrence Malick è sempre un evento, per quanto il regista americano negli ultimi anni abbia decisamente accelerato il ritmo del suo lavoro. In Song to song racconta la storia di un giovane musicista alla ricerca del successo, con l’aiuto della sua compagna, del suo produttore e di una giovane cameriera irretita da quest’ultimo. Sontuoso il cast: Michael Fassbender (ancora lui), Ryan Gosling, Natalie Portman, Cate Blanchett e Val Kilmer.

Erano nove anni che in Italia non usciva un film diretto da Emir Kusturica. Il regista è anche il protagonista principale di On the Milky Road – Sulla via lattea, insieme a Monica Bellucci. La storia è ambientata durante la guerra ed incentrata sulla figura di un uomo che attraversa il fronte a dorso di un asino per trasportare il latte. La sua vita sarà sconvolta dall’arrivo di una misteriosa donna italiana.

Si diceva di grandi registi davanti alla macchina da presa. E’ il caso di Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni, che ha in Giuliano Montaldo uno dei due interpreti principali. Il regista genovese interpreta la parte di un anziano poeta che assume come accompagnatore un giovane trasteverino ignorante e turbolento. Tra i due nascerà un’originale amicizia.

Escono anche Qualcosa di troppo di Audrey Dana, Una settimana e un giorno di Asaph Polonski, This beautiful fantastic di Simon Aboud, E se mi comprassi una sedia di Pasquale Falcone e il film d’animazione Richard – Missione Africa di Toby Genkel e Reza Memari.

CONDIVIDI
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.