Ogni rivoluzione ha un prezzo: parte stasera “1993”, la nuova serie di Sky Atlantic

91
0

Debutterà questa sera su Sky Atlantic HD e su Sky Uno HD 1993, il secondo capitolo della serie ambientata nel biennio che stravolse l’Italia.

Se il 1992 è l’anno in cui la rivoluzione di Mani Pulite ha avuto inizio, il 1993 è l’anno del terrore. I vecchi poteri sono ormai crollati, ma ci troviamo proprio nel periodo di mezzo che porta alla costruzione delle nuove forze. È il racconto di un altro anno cruciale per l’Italia, tra la preparazione alla discesa in campo di Berlusconi e il caso Enimont.
«Il 1993 fu un anno complesso tra bombe e suicidi. Questa stagione sintetizza quella grande oscurità», ha spiegato Andrea Scrosati, VP programming di Sky Italia. «I nostri personaggi – dice Giuseppe Gagliardi, il regista della serie – vivono in un’epoca di grande smarrimento, ciascuno di loro deve fare i conti con il proprio lato oscuro e cercare di non soccombere. Un terremoto ha fatto crollare un sistema politico che sembrava inossidabile. La battaglia per il potere è aperta e vede schierati sul campo diversi contendenti. L’aria che si respira è pesante, ad aggravare la situazione le bombe della mafia che scuotono il Paese».

I protagonisti della serie ripartono dalla stagione precedente: Leo Notte, interpretato da Stefano Accorsi (ideatore del progetto), ora è al servizio di Berlusconi, di cui vuole conquistare stima e fiducia. La bravissima Miriam Leone, nel ruolo di Veronica Castello, è una showgirl ambiziosa e pronta a tutto pur di fare carriera. Poi c’è Pietro Bosco (Guido Caprino), l’ex soldato entrato nella Lega Nord che, a pezzi dopo essere stato scaricato da Veronica, finisce col consolarsi con la sorella della sua ex, la giornalista Giulia, in una nuova versione sexy e disinibita.
Intanto, Luca Pastore (Domenico Diele), il poliziotto che lavora con Di Pietro, continua a indagare sulle tangenti, ma di nascosto porta avanti le sue ricerche per incastrare chi ha messo in commercio le sacche di sangue infetto che gli hanno fatto contrarre l’Aids.
Bibi Mainaghi ha superato l’atteggiamento da viziata ribelle per cui l’attrice Tea Falco era stata criticata. A questo punto della storia, è una vittima: il padre è morto, il fratello sempre ubriaco e lei in balia del mafioso Brancato. Fra le new entry della stagione, c’è Laura Chiatti, nel ruolo di Arianna, la nuova fidanzata di Leo, ignara del suo passato e dei suoi segreti che, neanche a dirlo, torneranno a galla. A cominciare dal ritrovamento del cadavere di Venturi, che Notte ha assassinato e nascosto.

CONDIVIDI
Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.