La banda Salvatores al MIC

Gabriele Salvatores in 35 mm. Un'occasione per rileggere un regista da Oscar

37
0

Gabriele Salvatores in 35mm, in programma da oggi 19 maggio al 4 giugno presso il Mic (Museo Interrativo del Cinema) di Milano, propone tra gli altri Mediterraneo (Oscar per il miglior film straniero 19929,  Turné, Denti, Come Dio comanda, da un romanzo di Nicolò Ammaniti, Educazione siberiana, Happy Family Quo vadis, baby?. Particolare attenzione merita Kamikazen –Ultima notte a Milano del 1987 con il quale il regista realizza la sua Factory alla Roger Corman, la banda Salvatores, che viene dal teatro…  Salvatores si forma nella Milano da bere degli anni Ottanta, napoletano (30 luglio 1950) ma cresciuto a Milano,  figlio di un avvocato. Nel ’72 dopo aver abbandonato gli studi universitari fonda insieme a Ferdinando Bruni il Teatro dell’Elfo con il quale dirige alcuni spettacoli. Nell’83 debutta dietro la macchina presa con Sogno di una notte dì estate ispirato a Shakespeare nel quale mischia cinema, teatro e danza. Nel ’85 con la commedia teatrale Comedians forma quella “banda Salvatores” con il gruppo di attori (Paolo Rossi, Claudio Bisio, Silvio Orlando)  che lo seguiranno in quasi tutti i suoi film.

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.