Weekend al cinema, tra pirati, horror, Giappone e registi italiani all’esordio

39
0
Pirati dei Caraibi

Sarà l’estate ormai alle porte, sarà che l’attenzione degli appassionati è tutta rivolta a Cannes, fatto sta che questo è il primo weekend in cui si ha davvero la sensazione che la stagione cinematografica sia agli sgoccioli. Il menù delle nuove uscite prevede un sicuro blockbuster ed altri film “minori” che appaiono come altrettante scommesse: in ogni caso, al cinema, vale sempre la pena rischiare.

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar di Joachim Rønning ed Espen Sandberg è il quinto capitolo di una saga di enorme successo. La ricetta è sempre la stessa: in questo episodio Capitan Jack deve vedersela con il Capitano Salazar, deciso ad uccidere ogni pirata del mare. Sontuoso il cast nel quale figurano, fra gli altri, Johnny Depp, Orlando Bloom, Javier Bardem, Geoffrey Rush e Keira Knightley. E poi c’è anche Paul McCartney in un curioso cameo.

Se amate i film ansiogeni, potete provare con 47 metri di Johannes Roberts. Il film racconta la storia di due sorelle che durante un’immersione in Messico restano intrappolate sul fondo dell’oceano. Hanno riserve d’aria per un’ora, mentre tutto intorno danzano gli squali bianchi. Le due sorelle sono Mandy Moore e Claire Holt, nel cast c’è anche Matthew Modine.

Cuori puri è l’opera prima di Roberto De Paolis ed il film è stato selezionato per la Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes di quest’anno. Protagonisti sono due giovani: lei è devota e vuole rimanere casta fino al matrimonio, lui ha un passato difficile e lavora come custode di un parcheggio di un centro commerciale vicino ad un grande campo rom. L’amore li metterà di fronte a scelte difficili.

Non sono molti i film giapponesi che arrivano in Italia, nonostante la grande tradizione cinematografica del sol levante. Già questo potrebbe essere un buon motivo per andare a vedere Ritratto di famiglia con tempesta di Kore’eda Hirokazu, lavoro che in ogni caso si prospetta come interessante. I quattro protagonisti del film, la “famiglia” del titolo, si trovano chiusi in casa mentre fuori infuria il tifone. Si troveranno a fare i conti con se stessi, il loro passato ed anche il loro futuro.

2night di Ivan Silvestrini racconta il venerdì notte romano di due trentenni che si conoscono in un locale. Lui si offre di accompagnarla a casa, lei vive dall’altro capo della città. Attraversano tutta Roma e quando, finalmente, arrivano nelle vicinanze dell’abitazione, non trovano posteggio. Continuano a girare e a parlare e la notte prenderà per loro una direzione inaspettata.

Escono anche Alamar di Pedro González-Rubio, Cloud di Stephen Langford e Milano in the cage – The movie di Fabio Bastianello.

CONDIVIDI
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.