Sirya, Federico Poggipollini, Francesco Sarcina e tanti altri. Il ricco programma di Mare culturale urbano

531
0

Mare culturale urbano è un centro di produzione artistica che arriva nella zona ovest di Milano per costruire un nuovo modello di sviluppo territoriale delle periferie. Partendo da un forte legame con la dimensione locale, sviluppa scambi a livello internazionale e attiva processi di inclusione sociale, rigenerazione urbana e innovazione culturale.

In questo contesto è nato “Quasi acustico” un programma musicale costruito ad hoc da ​Luca De Gennaro per Cascina Torrette, il cortile della cascina del ‘600 che accoglie le attività di mare: ​Quasi acustico ​propone concerti adatti a un ambiente raccolto, intimo, senza amplificazione e senza vincoli, tecnici o di genere.

Iniziata con la presenza di Syria lo scorso 25 maggio, la rassegna continuerà giovedì 8 giugno con Federico Poggipollini (qui la nostra intervista) che porterà il suo ultimo disco, Nero, in versione quasi acustica, riarrangiando tutti i brani proponendoli in una veste completamente inedita.
I concerti proseguiranno poi ​giovedì 29 giugno con ​Francesco Sarcina​, frontman de Le Vibrazioni, che si esibirà live, chitarra e voce. ​Giovedì 6 luglio ​l’appuntamento è con una pietra miliare del rock: l’album Trasformer ​del 1972 di Lou Reed eseguito da una formazione d’eccezione, composta da ​Gianluca Derubertis (Il Genio), Andrea Pesce (Tiromancino), Roberto Dell’Era (Afterhours, The Winstons), Lino Gitto (The Winstons, Ufo Valvola)​.
Giovedì 20 luglio protagonista sarà il cantautore (e autore) ​Diego Mancino​, che lo scorso settembre ha pubblicato con Universal Music l’album di inediti ​Un invito a te​. ​Il concerto di chiusura della rassegna è previsto per il 9 settembre 2017.

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.