Liam Gallagher: «Manchester, vorrei scusarmi per l’assenza di mio fratello ieri sera»

646
0

Il concerto benefico One Love Manchester in memoria delle vittime dell’attentato del 22 maggio si è svolto ieri in presenza di oltre 50mila persone che hanno sfidato la paura, nonostante l’ennesimo attacco terroristico avvenuto a Londra proprio ieri.
A capitanare la squadra di artisti che si sono spesi per lo straordinario evento c’era Ariana Grande, ma tutti i musicisti presenti hanno dato il loro prezioso contributo e reso memorabile il concerto dell’Old Trafford Manchester. Tra le sorprese inattese di questa serata, l’esibizione di Liam Gallagher insieme ai Coldplay.
L’ex cantante degli Oasis, che si è recato a Manchester subito dopo l’esibizione al Rock im Park, ha colto l’occasione per sottolineare la frattura insanabile che separa lui e il fratello Noel. Liam si è sentito infatti in dovere di prendere le distanze da Noel e scusarsi per la sua rumorosa assenza, dichiarando che avrebbe potuto prendere un aereo, come hanno fatto tutti, lui compreso, per esibirsi.

L’ex chitarrista (e memorabile seconda voce) degli Oasis aveva infatti categoricamente escluso una reunion della band per beneficenza, dichiarando di non essere quel tipo di persona.
Eppure, proprio Manchester, città natale dei due fratelli coltelli, aveva reso omaggio agli Oasis qualche giorno dopo l’attentato, quando la folla recatasi in piazza per commemorare le vittime, aveva spontaneamente intonato al brano scritto da Noel Don’t Look Back in Anger come inno liberatorio.

Liam ha risposto all’invito dei suoi concittadini. Si spera che anche Noel, il quale ha ripreso il tweet del video sul suo profilo social, possa in un prossimo futuro raccogliere anche questa implicita sfida.

CONDIVIDI
Classe '86, nata e cresciuta in Germania come immigrata italiana di seconda generazione. Dopo il liceo si è trasferita a Roma per studiare lettere. Dal 2011 vive e lavora a Venezia.