Quella volta che gli ZZ Top rifiutarono un milione di dollari per tagliarsi la barba

1675
0

La storia forse la conoscete già, ma oggi ve la riproponiamo visto che è il compleanno dell’unico non barbuto degli ZZ Top, ossia il batterista Frank Beard, che curiosamente fa “barba” di cognome.

La band texana, oltre ad essere nota per capolavori come La Grange o Gimme All Your Lovin’, è al centro di questo curioso aneddoto: la Gillette nel 1984 avrebbe offerto la folle cifra di un milione di dollari in cambio del taglio della barba del cantante e chitarrista Billy Gibbons e del bassista Dusty Hill da inserire in uno spot tv. Una cifra davvero spropositata ma a cui ha fatto seguito il rifiuto dei due musicisti: per quale motivo avrebbero dovuto privarsi del loro marchio di fabbrica?

La notizia, che circolava negli ambienti musicali da anni, è stata confermata (solo nel 2012) da Gibbons durante un’intervista per Brave Words. «Non ho mai avuto alcun dubbio», dichiarò infatti il musicista. «Anche se la cifra venisse aggiustata per l’inflazione, oggi rifiuterei nuovamente l’offerta. L’idea di vedermi allo specchio senza la barba come se fossi uscito da un film di Vincent Price non può essere presa in considerazione, qualunque sia l’offerta. Non riesco ad immaginarmi senza barba».

Sarebbe infatti difficile immaginarsi la band senza i due membri barbuti, visto che ormai sono entrati nell’immaginario collettivo. Sarebbe un po’ come vedere Slash senza il suo cappello a cilindro, o una qualsiasi rockstar con i capelli rasati a zero.

Gli ZZ Top comunque, anche se non pubblicano album da un po’ di anni a questa parte, sono attualmente impegnati in tour in Europa fino al mese di luglio.
Oltre a poter vantare 15 album in studio e milioni di copie vendute, oltre ed essere stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2004, la band sarà ricordata anche per la barba da un milione di dollari.

CONDIVIDI

Nasce a Roma nel 1989 pochi mesi prima che cada il muro di Berlino. Studente di Storia, non religioso, beatlesiano convinto. Fino al 2015 ha gestito la webzine Robadarocker.com. Poeta a tempo indeterminato, rockettaro nel cuore, ama scrivere di musica.