Galaxy serie J. Trio galattico, prezzi terrestri

89
0

Samsung aggiorna la sua gamma di smartphone di classe media con i nuovi Galaxy Serie J, disponibili in Italia nelle prossime settimane. Galaxy J7, J5 e J3 2017  hanno ora corpo in metallo con i bordi arrotondati per garantire massima ergonomia, nuovissimi processori e l’interfaccia grafica completamente rivista. Ma la grande novità riguarda la fotocamera, da 13 Mpx, che garantisce scatti “unici” e selfie sempre luminosi e definiti grazie anche al Flash LED frontale, che da sempre distingue la serie J. Completano la dotazione la memoria espandibile con microSD fino a 256GB, il lettore di impronte digitali (non disponibile per J3) per la massima sicurezza e batterie da 2400 fino a 3.000 mAh . Galaxy J5 e Galaxy J3 hanno display rispettivamente  da 5.2 e 5.0  HD superAmoled, mentre lo schermo del top di gamma Galaxy J7, è da 5.5 FHD superAmoled con ben 3GB di RAM. Galaxy J7 sarà disponibile esclusivamente nella versione Dual Sim per gestire due numeri in maniera semplice ed intuitiva e per sfruttare nuove funzionalità come il Doppio Account. Galaxy J5 è già disponibile in Italia a partire da giugno a 299€, mentre per Galaxy J7 e J3 bisogna aspettare luglio con prezzi rispettivamente a 349€ e 229€. Tutta la famiglia J sarà disponibile in Italia in 3 colorazioni : Black, Gold e il nuovissimo Blue Silver.

CONDIVIDI
Sono nato a Milano. Negli anni 80, laureato in filosofia, ho iniziato come copywriter all’Ufficio Pubblicità  di Rizzoli Libri.  Negli anni 90 ho collaborato con l’Europeo  - novità tecnologiche - e successivamente con Brava Casa, Anna, Milleidee e Max. All’inizio del nuovo secolo, addetto stampa alla start up che ha creato RCS WEB, ho continuato  a scrivere su Max,  con contributi al mitico spin off tecnologico Max 2.0 ora da collezionisti. Collaborazione proseguita in Gazzetta dello Sport.it.  Dal 2009 al 2012 ho scritto anche sul  mensile filosofico scientifico KOS. Il mio avatar l’ha  scelto mia figlia Irene, con la quale condivido l’idolatria per Bob Dylan, ma che non sopporta la mia passione per le opere di Mozart.