Dall’Amazzonia ai Transformers, passando per la Francia: questo offre il weekend al cinema

37
0
Civiltà perduta

Primo weekend estivo al cinema. Nel menù ci sono due film destinati al grande pubblico ed alcune “piccole uscite” che assomigliano ad altrettante scommesse. Certo, sarebbe disonesto parlare di un fine settimana esaltante per chi ama il cinema. Ma, rispetto a certi titoli, almeno un po’ di curiosità è giusto concedersela.

Civiltà perduta di James Gray è tratto dal libro Z la città perduta di David Grann e racconta la vera storia dell’esploratore inglese Percy Fawcett, scomparso nel 1925 mentre era impegnato nella ricerca della mitica El Dorado nell’Amazzonia. Il protagonista principale è Charlie Hunnam, nel cast figura anche Robert Pattinson.

Transformers – L’ultimo cavaliere di Michael Bay è il quinto capitolo della saga e la visione è consigliata agli appassionati del genere. In questo nuovo episodio viene alla luce la leggenda millenaria dei Transformers, a causa di una nuova minaccia che incombe sull’umanità. Di tutto rilievo il cast, con (fra gli altri) Mark Wahlberg, Stanley Tucci, John Turturro ed Anthony Hopkins.

Risale a tre anni fa Parliamo delle mie donne di Claude Lelouch che, misteri della distribuzione, arriva solo adesso in Italia. L’interprete principale è Johnny Hallyday, rockstar francese che non ha mai disdegnato il cinema, chiamato ad impersonare un fotografo di guerra che, dopo aver dedicato la sua vita al lavoro, intende riconciliarsi con la sua famiglia ed in particolare con le quattro figlie, avute da quattro differenti donne. Lo aiuterà un amico, attraverso una messinscena.

The habit of beauty di Mirko Pincelli si presenta come un film assai poco allegro. C’è una coppia lacerata dalla tragica morte del figlio. Lui, tre anni dopo, scopre di avere una malattia terminale. Il suo ultimo sogno è quello di allestire una mostra delle sue fotografie. Nel mezzo c’è anche un problematico ragazzo inglese che i due cercano di aiutare. I protagonisti sono Francesca Neri e Vincenzo Amato.

Il cinema italiano, in questo fine settimana, è rappresentato da Girotondo di Tonino Abballe. Un film particolare che racconta la violenza fisica e psicologica subita da uomini e donne, attraverso le vicende di Erika e Loredana.

Escono anche Metro Manila di Sean Ellis e il documentario Robert Doisneau – La lente delle meraviglie di Clementine Deroudille.

CONDIVIDI

Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.