Avete mai pensato di incontrare Paul McCartney, da solo, su un treno?

2816
0

Il sogno di ogni fan, si sa, è quello di ritrovarsi faccia a faccia con il proprio idolo, magari in un contesto informale, senza alcuna divisione di sorta, senza entourage o guardie del corpo. Chissà cos’han pensato le persone in viaggio dalla stazione Kings Cross (quella del binario 9 e 3/4 di Harry Potter) a quella di Hastings, nel sud dell’Inghilterra, quando si sono ritrovato un normalissimo Paul McCartney intento semplicemente a leggere una rivista ed a guardare il suo Nokia non proprio di ultima generazione.

Le poche persone che hanno avuto il “coraggio” di fermarsi e salutarlo riportano che è stato molto gentile, felice di scambiare qualche parola con i fan e di parlare del suo nuovo progetto musicale. Si sa che Paul McCartney è sempre stata una persona molto socievole, sicuramente il più sorridente ed aperto dei quattro Beatles ed il più adatto a gestire le pubbliche relazioni. Quel che non ama sono le foto e l’eccessiva invasione che i telefonini hanno nelle nostre vite, tantochè spesso ha dovuto dire a dei fan troppo opprimenti «Scusami ma non faccio fotografie, però possiamo chiacchierare».
E voi cosa avreste fatto?

CONDIVIDI
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.