Vasco entusiasma Modena. Ma Rai 1 ammoscia l’evento

5606
0

Il concerto di Vasco visto su Rai 1 non è stato, né poteva essere, quello che si sono goduti i 230.000 che erano a Modena.

La cosa che più ha infastidito sono stati i troppi discorsi di Bonolis, il suo essere esageratamente logorroico. Interessante la lunga intervista realizzata una settimana fa e qui proposta “a puntate” nel corso di tutto il programma. Ma a volte meglio le risposte di Vasco (lucido e sinceramente commosso come in rare altre occasioni), rispetto alle domande, alcune davvero scontate: vabbè che siamo su Rai 1 il sabato sera, ma se la trasgressione si limita a un paio di “cazzo” buttati là con nonchalance, allora meglio fare i preti dall’inizio alla fine.

Vasco Rai 1

Certo, che non sarebbe stata la trasmissione del concerto nudo e crudo lo si è sempre saputo: molte persone hanno pagato 15 euro per vedere lo show integrale al cinema, pertanto non si poteva darlo integralmente (e gratuitamente) su Rai 1. Quasi a scusarsi, probabilmente dopo aver letto le tante lamentele sui social, prima dei bis Bonolis lo dice chiaro e tondo: «Non avevamo i diritti per trasmettere tutto».

Insomma, Bonolis e i suoi autori si sono dovuti inventare qualcosa per –diciamo così- “tappare i buchi”. Ecco il perché dell’intervista “a puntate”, dei discorsi un po’ troppo lunghi, delle “ospitate” di personaggi più o meno legati a Vasco (Gaetano Curreri, Milena Gabanelli, Marco Materazzi, l’amico d’infanzia ed ex ministro Giulio Santagata, l’ispiratrice dell’omonima canzone Silvia Benuzzi, Maddalena Corvaglia), ma in questo contesto percepiti quasi come se fossero dei “disturbatori”. Ottenendo così come unico effetto la spasmodica attesa da parte dei telespettatori della fine dei discorsi (anche di quelli che in altri contesti sarebbero stati interessanti) e la messa in onda di un’altra canzone, una delle tante che hanno punteggiato una carriera lunga 40 anni.

Ad essere onesti, la parte “live” è stata abbondante: eravamo convinti che facessero ascoltare meno canzoni. Il fatto è che certi interventi fuori luogo e gli sproloqui di Bonolis hanno ammosciato quello che doveva essere (e a Modena è stato) un evento epocale.

Non ha aiutato nemmeno un audio indecente durante la parte “live”, che ha afflosciato diversi brani. Insomma, l’ennesima occasione sprecata da mamma Rai. Peccato!

Prima abbiamo accennato ai cinema: come noto il concerto lo si poteva vedere in diretta in oltre 150 sale sparse in tutta Italia. Mentre scriviamo non disponiamo di dati precisi, ma stando alle notizie che abbiamo l’afflusso è stato notevole, molte sale erano piene. Invece sono state un flop le arene: due su tre (Roma e Padova) sono state cancellate all’ultimo momento, e le notizie arrivate da Genova non sono esaltanti. Alcuni hanno individuato il motivo di questo flop nel costo del biglietto: 23 euro, giudicati troppi rispetto ai 15 del cinema, dove oltretutto si poteva assistere al concerto standosene comodamente seduti in poltrona.

Molto affollata anche la spiaggia di Rimini (foto sotto): tra breve vi racconteremo nei dettagli cosa è successo. Così come vi racconteremo con novizia di particolari il concerto. In attesa della recensione, ecco la scaletta.
Vasco Rai 1

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).