Intervista con Claudio Lolli, che ci racconta l’album “Il grande freddo”

Vincitore della Targa Tenco 2017, Claudio Lolli riparte con "Il grande freddo", un album che ricorda gli zingari felici. 

163
0
Claudio Lolli

Il cantautore, poeta e scrittore Claudio Lolli con l’album Il grande freddo si è aggiudicato la Targa Tenco 2017 nella categoria “Disco in assoluto”. La Targa Tenco rappresenta il giusto riconoscimento per uno degli artisti più importanti e forse meno considerati nella storia della canzone d’autore italiana, capace di regalarci a distanza di tanti anni dall’esordio un bellissimo album intriso di poesia ed emozioni.

Il grande freddo per lui segna il ritorno sulle scene a otto anni di distanza da Lovesongs. L’album rappresenta anche un ritorno alle origini e alla collaborazione con il nucleo degli Zingari Felici: Danilo Tomasetta (anche produtttore artistico del disco) e Roberto Soldati musicisti appartenenti al Collettivo Autonomo Musicisti di Bologna con cui Lolli produsse lo storico album Ho visto anche degli zingari felici, un capolavoro uscito nel 1976. Questa intervista è il frutto di uno scambio di mail.

Uno dei temi dell’album è l’indifferenza, un tema che affrontasti già nelle canzoni scritte negli anni ’70. Hai notato differenze rispetto ad allora?
L’indifferenza, proprio per la sua natura, difficilmente cambia aspetto e colore.

Claudio Lolli

Parli autobus perché a Bologna non c’è una metropolitana. Questo è il mezzo che conosci meglio perché lo usi abitualmente?
Bologna non è così grande da richiedere una metropolitana e l’autobus è il mezzo di trasporto collettivo più comune e che ho usato di più.

Che effetto ti fa ricevere la Targa Tenco? Tra l’altro hai avuto la meglio su colleghi molto più giovani di te… Contento? 
Certo. È un premio prestigioso che mi onora molto e sono molto contento che mi sia stato assegnato. Le giovani generazioni aspetteranno un po’, come del resto è successo a me.

Come sono nate le nuove canzoni? Erano già tutte pronte quando hai deciso di incidere l’album? 
Non erano tutte pronte, solo qualche spunto. Poi a un certo momento ho capito che l’idea c’era ed ho cominciato a scriverle. Alcune sono recentissime.

Giovanni e Nori, amore e resistenza: perché hai inserito questa lettera-canzone? 
Per raccontare che il bisogno e la voglia d’amore fanno parte di tutti i momenti della vita, anche di quelli che possono sembrarne più lontani.

In vari brani parli di futuro e passato, posso chiederti quali sono oggi i tuoi punti di riferimento? Quali nel tempo sono rimasti?
Punto di riferimento è locuzione che non mi è chiara, posso dirti solo che grazie a dio sono ateo. Poi la parola, la poesia: senza mi sarebbe difficile sorridere.

Cosa ne pensi del Nobel a Dylan, è meritato? 
Mi sembra sacrosanto e lo interpreto come un premio dato a tutta la grande letteratura beat.

Tu che hai insegnato letteratura ai ragazzi fino a pochi anni fa cosa hai capito delle nuove generazioni, in cosa possono credere, come vedono quello che hanno lasciato i loro padri, che valori hanno da seguire?
Le nuove generazioni sono straordinarie, lasciamo che elaborino in pace il loro pensiero con i loro strumenti senza essere ossessivamente paragonate a quelle precedenti.

Il collegamento agli zingari felici è appropriato? 
Sono due punti della medesima parabola esistenziale: l’inizio e la fine…

Quando è nata la collaborazione con Nicola Alesini, il solista del sax?
Dai tempi della Scoperta dell’America, poi non si è più interrotta: è un musicista straordinario ed una persona eccezionale.

Poi c’è Paolo Capodacqua, sempre al tuo fianco…
Paolo è mio fratello e i miei musicisti sono molto affettuosi, tutti.

Nel 1975 al Teatro Tenda di Piazzale Cuoco a Milano ti vedo per la prima volta, con chitarra, aprivi per Guccini. Sei ancora in contatto con lui?
Di Guccini francamente non so molto, mi auguro che stia bene e che ci dia ancora delle belle canzoni.

Claudio Lolli
CONDIVIDI
Nato in Lombardia, prime collaborazioni con Radio Montevecchia e Re Nudo. Negli anni 70 organizza rassegne musicali al Teatrino Villa Reale di Monza. È produttore discografico degli album di Bambi Fossati e Garybaldi e della collana di musica strumentale Desert Rain. Collabora per un decennio coi mensili Alta Fedeltà e Tutto Musica. Partecipa al Dizionario Pop Rock Zanichelli edizioni 2013-2014-2015. È autore dei libri Anni 70 Generazione Rock (Editori Riuniti, 2005) e Che musica a Milano (Zona editore, 2014).