A Dodi Battaglia un diploma accademico honoris causa in chitarra elettrica

381
0
Dodi Battaglia

Lauree honoris causa se ne danno tante, in tutte le università del mondo. Ma il riconoscimento che è stato assegnato ieri a Donato “Dodi” Battaglia è senza precedenti: il Conservatorio “Egidio R. Duni” di Matera gli ha conferito il diploma accademico honoris causa di secondo livello in “Chitarra elettrica – dipartimento di nuovi linguaggi e nuove tecnologie”. Dopo Lauree ad honorem conferite in passato ad artisti musicali per i contenuti delle loro opere o per la loro capacità comunicativa, per la prima volta, tale onorificenza è stata assegnata ad un chitarrista per la sua attività da musicista.
Ha commentato Dodi Battaglia: «Grandi e tante sono state le gratificazioni che ho avuto grazie al mio amore per la musica, ma questa Laurea Honoris Causa mi tocca nel profondo e mi fa vibrare di felicità. Grazie a coloro che mi hanno scelto quale unico artista per questo riconoscimento che unisce per la prima volta un grande conservatorio di musica alla grande ”università del palcoscenico” in cui mi sono formato».
Piero Romano, direttore dei conservatorio, ha aggiunto: «Dodi Battaglia è uno straordinario esempio di artista di successo. Ha coniugato lo studio alla passione, il lavoro ai suoi sogni. Il Conservatorio di Musica di Matera crede fortemente nella sua missione di forgiare gli artisti italiani di oggi e di domani che, come in passato, riusciranno a colonizzare il mondo con la loro arte. L’esempio di Dodi Battaglia rimarrà nella storia del nostro conservatorio e della città di Matera».
Durante la serata, al cospetto del presidente dell’istituto Arnaldo Greca, del direttore Piero Romano e di fronte agli alunni del Conservatorio, Dodi ha tenuto, inoltre, una lectio magistralis. Ecco alcune immagini che documentano la serata.

Dodi BattagliaDodi Battaglia

Dodi Battaglia

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).