Daniele Tedeschi polemizza con Vasco

5766
0
Daniele Tedeschi
Foto di Andrea Saviotti, tratta dalla pagina FB di Daniele Tedeschi

Sulla sua pagina Facebook ieri sera Vasco ha pubblicato un estratto del suo libro Da rocker a rockstar in cui racconta la sua versione della vicenda Steve Rogers Band. Questa mattina Daniele Tedeschi ha replicato in modo piuttosto polemico, togliendosi – come si suol dire – alcuni sassolini dalla scarpa.
Ecco il contenuto del suo post: «Spero che Vasco abbia scritto nel libro (che non ho ancora letto ) quando dopo un anno che avevo lasciato la SRB (della quale facevo parte: ho suonato negli album Alzati la gonna e I duri non ballano) per motivi di poca chiarezza contrattuale… Incontrandolo a casa sua, mi chiese: “Tedeschi, mi dai una mano a fare una band nuova perché i traditori mi hanno lasciato per dare retta a Elmi che li ha convinti a farsi una loro strada, per vendetta dal momento che l’ho licenziato…”. C’era il grande Maurizio Lolli... Io accettai e insieme a Rudy Trevisi cominciammo a fare audizioni… Poi arrivò Braido e convinsi Vasco a prenderlo, anche se secondo lui faceva troppe note (ma giuste)… E poi anche Rocchetti dopo una serie di tastieristi pseudo jazzisti… Tutto ciò mi fece apparire un traditore agli occhi della SRB e non particolarmente simpatico a Elmi… Ma fu Fronte del Palco… quando per lui ero “LA ROCCIA”.  Poi però Lolli purtroppo morì… e dopo poco tornarono tutti con la coda tra le gambe… e Vasco li riprese…. beh… qualche canzone suonata con lui al Modena Park credevo di meritarmela…».
Daniele Tedeschi è stato a lungo il batterista di Vasco, dal 1984 al 1995: fino al 1989 come componente della Steve Rogers Band, poi come componente della band che suonò con lui durante i primi trionfi negli stadi (Fronte del palco, Gli spari sopra, Rock sotto l’assedio).

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).