I Pink Floyd sono il gruppo del mese di agosto su Spettakolo

299
0

Potrebbero esserci decine di modi per definire i Pink Floyd, ma quello che vogliamo usare oggi, e nell’arco di questo mese in cui li celebreremo è “leggende”.
Perchè solo se sei una leggenda riesci a vendere oltre 300 milioni di dischi in tutto il mondo o a rimanere con un album nella top200 di Billboard per 931 settimane (di cui 741 consecutive). I conti fateli voi, ma vi fanno capire l’immensità e l’importanza di questa band per la storia della musica mondiale.
Ma, parafrasando la campagna promozionale Why Pink Floyd? del 2011 per la ristampa del catalogo, perchè i Pink Floyd come gruppo del mese di agosto su Spettakolo?
Presto detto: il prossimo 4 agosto ricorrono i 50 anni dalla pubblicazione del primo album della band britannica, The piper at the gates of dawn, che fu messo in commercio proprio il 4 agosto 1967.

Proprio sulla data occorre fare una doverosa precisazione: se cercate su Google il giorno di pubblicazione del disco, con ogni probabilità troverete 5 agosto 1967.
Ma questa non è la data giusta: dopo lunghe ricerche, lo storico del rock Glenn Povey, autore del monumentale The Complete Pink Floyd – The Ultimate Reference, pubblicato nel 2012 (Povery è anche uno dei supervisori della mostra Their Mortal Remains, attualmente al Victoria & Albert Museum di Londra), l’ha corretta al 4 agosto. Tra le varie motivazioni a sostegno di questa teoria c’è anche quella che i dischi della EMI venivano pubblicati il venerdì, e il 5 agosto era un sabato.

E da quel 4 agosto di 50 anni fa la band ha subito molteplici trasformazioni, sia nell’organico (prima la sostituzione di Barrett con Gilmour, poi l’abbandono di Waters), sia nel genere musicale, passando dal rock psichedelico a quel progressive rock che ha cambiato per sempre la storia della musica moderna, influenzando irrimediabilmente tutto quello che è arrivato dopo.

In questo mese racconteremo la storia dei Pink Floyd, partendo dagli inizi, con le prime band giovanili di Waters, Mason e Wright, l’arrivo del ciclone Barrett, per passare alle recensioni di tutti gli album, più tante curiosità e aneddoti relative al mondo dei Floyd, e arriveremo fino alla fine, a quel fiume infinito che è l’ultimo album, The Endless River, con un’ultima appendice sulla mostra in scena a Londra, che già dal titolo è una sorta di testamento, di lascito ai posteri: Their Mortal Remains.

Restate sintonizzati su Spettakolo, che siate a lavoro in attesa delle ferie o in vacanza sotto l’ombrellone, non ve ne pentirete!

CONDIVIDI

Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è “spettacolo” (appunto).