Silvestri, Emma, Tosca e altri 28: a Vulci tutti insieme per Live For Syria

111
0
Live For Syria
Foto di Simone Cecchetti

Molto più che un concerto quello che si è svolto ieri nel Parco Archeologico di Vulci: Live for Syria è stata una lunga maratona di musica e spettacolo che ha coinvolto trentuno artisti tra cantanti, attori e registi tutti riuniti a favore dei bambini profughi della Siria.

I musicisti che si sono alternati e incrociati sul palco sono stati Daniele Silvestri, Irene Grandi, Roberto Angelini, Emma Marrone, Marina Rei, Mario Venuti, Diego Mancino, Wrongonyou, Frankie Hi – Nrg Mc, Diodato, Tosca, Mirna Kassis; con loro gli attori e registi Lillo Petrolo, Paola Minaccioni, Pierfrancesco Favino, Anna Foglietta, Vinicio Marchioni, Edoardo Leo, Angela Curri, Andrea Bosca, Milena Mancini, Vinicio Marchioni, Tosca D’Aquino, Camilla Filippi, Anna Ferzetti, Michele Riondino, Vittoria Puccini, Edoardo Natoli, Daniele Coscarella, Massimiliano Bruno, Paolo Genovese.

Live For Sirya
Foto di Simone Cecchetti
Live For Syria
Foto di Emiliana Aligeri

L’evento è iniziato al tramonto con laboratori e letture per bambini, oltre a performance di Andrea Satta e Angelo Pellini, Mirko e il Cane e Adriano Russo dedicate ai più piccoli.

La parte musicale è stata inaugurata da un sunset concert di Tosca con Mirna Kassis; il concerto è iniziato alle 21.30 e si è concluso a notte fonda tra esibizioni, duetti inediti, letture, incursioni comiche degli attori e balletti inaspettati. Ad accompagnarli sul palco nel ruolo di resident band Roberto Angelini e la band di Silvestri, e spesso gli stessi cantanti hanno vestito anche i panni di musicisti nei set dei loro colleghi.

Da un’idea di Edoardo Leo e Daniele Silvestri, lo spettacolo è stato declinato secondo quattro temi principali: il viaggio, la guerra, l’amore, la verità, quattro linee guida attraverso le quali raccontare – con coerenza emotiva –  l’infanzia rubata ai bambini che vivono in situazioni di conflitto bellico.

Tra i momenti corali più coinvolgenti, pensati ad hoc per la serata: la lettura degli articoli della Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo da parte di Favino, Foglietta e Marchioni; il duetto di Emma e Mario Venuti su Mai come ieri; il duetto di Tosca e Mirna Kassis su La vita è bella, con dei versi tradotti in arabo per l’occasione. Di grande impatto l’intervento di tutti gli attori sul pezzo di Silvestri La mia casa: ognuno di loro ha ricordato uno tra i più recenti, tragici avvenimenti che hanno visto coinvolti i bambini tra le vittime dei crimini di guerra; tra questi la tragedia di Aleppo che ha fatto nascere il movimento Every Child is my Child.

Per il gran finale tutti i trentuno artisti sono saliti sul palco a ballare Salirò di Silvestri – sotto la guida sapiente del “maestro coreografo” Lillo – e ad ascoltare la dotta spiegazione filologica del significato dell’espressione romanesca “Li mortacci tua”, cuore del ritornello del brano di Daniele Testardo.

Live For Syria

CONDIVIDI
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).