Cose da non credere: avviso di garanzia per il Concertino dal Balconcino

522
0
Concertino dal Balconcino

Avete mai sentito parlare del Concertino dal Balconcino? Probabilmente se non siete di Torino no, ma nel capoluogo piemontese sono ormai un’istituzione. Ecco di cosa si tratta: due artisti, lo scrittore e chitarrista Maksim Cristian e la cantante lirica Daria Spada hanno formato un duo chiamato MCCS (acronimo di “Maksim Cristian Con la Spada”) e da oltre cinque anni si esibiscono dal balcone di un appartamento al primo piano di loro proprietà in via Mercanti, in pieno centro storico, per un pubblico composto da diverse decine di passanti e appassionati. Al loro fianco, negli anni, si sono esibiti moltissimi altri musicisti, artisti visuali, poeti, performer.
Una cosa bella, direte. Invece a qualcuno non deve essere sembrato così. Infatti, nonostante le esibizioni avvengano in un orario che non dovrebbe infastidire nessuno (dalle 17 alle 18), l’amministratore del palazzo, come riferiscono i due artisti in una nota pubblicata su Facebook «si era ripromesso di far cessare il Concertino e negli ultimi quattro anni ha messo in atto un lungo elenco di azioni più o meno indegne, che si sono finalmente concretizzate in due informazioni di garanzia».
Avete letto bene: nei giorni scorsi Maksim e Daria hanno ricevuto un avviso di garanzia da parte della Procura della Repubblica di Torino per il reato di disturbo alla quiete pubblica. Cose da non credere! Quando ho letto questa notizia, lì per lì ho pensato all’ennesima bufala. Poi ho verificato e ho scoperto che purtroppo è tutto vero. Inutile dire che sono indignato e sostengo il diritto del Concertino dal Balconcino di continuare le proprie esibizioni.
A partire da oggi, chiedono di sottoscrivere la petizione che potete leggere qui sotto. Vi invito a farlo, magari anche condividendola sui vostri social.
Concertino dal Balconcino
Qui di seguito riportiamo integralmente un post che hanno pubblicato qualche giorno fa sulla loro pagina Facebook.

Ci appelliamo a tutti i colleghi artisti, a tutti i cultori, a tutti i cittadini che hanno assistito come pubblico o ne hanno sentito parlare, ai movimenti e alle associazioni con cui negli anni abbiamo collaborato, alla giunta comunale, all’assessorato alla cultura e alla sindaca in persona, affinché prendano le difese del Concertino dal Balconcino e chiedano che si arresti il procedimento penale nei nostri confronti.
Come è noto, tutto si svolge nel cortile di un palazzo del centro storico di Torino, da un balcone al primo piano di nostra proprietà, dove da cinque anni ogni domenica ci esibiamo per un’ora (dalle 17 alle 18) con il nostro gruppo MCCS Punklirico e insieme a tantissimi altri poeti, attori e musicisti del nostro territorio, più di 600 finora. Apprezzato e incoraggiato da migliaia di persone, dai tantissimi artisti che si sono esibiti, dalla maggioranza dei vicini, dai media, dalle istituzioni culturali cittadine, dal nuovo assessorato alla cultura, il Balconcino ha da sempre avuto un solo nemico: l’amministratore di condominio. Che, per avversione personale, si era ripromesso di far cessare il Concertino e che negli ultimi quattro anni ha messo in atto un lungo elenco di azioni più o meno indegne, che si sono finalmente concretizzate oggi in due informazioni di garanzia. Immensamente grazie ai nostri due intrepidi avvocati, Barbara Passanisi e Davide Salvo, che da sostenitori del Balconcino ci difendono volontariamente in sede civile e penale e che anche questa volta sono al lavoro per smascherare ogni accusa. Nel frattempo il Balconcino di Torino è diventato un punto riconosciuto di arte urbana, una piccola barricata di libertà, d’indipendenza e condivisione, caso mai da proteggere e non da punire. Torino in passato ha già saputo difendere il suo evento più magico e, finché Torino vuole, il Balconcino continuerà.
A domenica prossima!
Concertino dal Balconcino

CONDIVIDI

Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: “Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi”.