RobotToborRobot. Lopopolo al MIMUMO

Dal 14 al 27 settembre al MIMUMO di Monza i robot di Davide Lopopolo

62
0

Il robot è una macchina in forma d’uomo che fa il lavoro dell’uomo (in polacco robot vuol dire “operaio” e nello slavo antico, parola di Wikipedia, la radice della parola stava per “servitù”). Nell’immaginario cinematografico il robot è la fantascienza e tutti quelli cresciuti dopo Il pianeta proibito (lì il robot si chiamava Robby) sorridono quando sentono definire “robot da cucina” certi frullini che cuociono . No. I robot hanno forma umana. Lo pensa anche Davide Lopopolo, che i frequentatori di Spettakolo.it conoscono già per le sue irriverenti escursioni critiche nel mondo dell’arte, e la cui produzione d’artista trovate sul suo sito.
RobotToborRobot è la micromostra che Lopopolo porta al MIMUMO di Monza dal 14 al 27 settembre. MIMUMO è l’acronimo di Micro Museo Monza, che è micro sul serio: una vetrina di 2 metri quadri virgola 29, aperti 24 ore al giorno tutto l’anno, per esposizioni di 2 settimane, nella Casa della Luna Rossa accanto al Duomo. Lì Lopopolo espone un po’ la sua infanzia: 3 robottoni antropomorfi di apparenza ingenua costruiti con scatoloni e pacchetti di sigarette assemblati, ricoperti di cartapesta e dipinti con acrilici. Sarebbe interessante spiare che scatole celano: sotto il più grande, per esempio, c’è il cartone di un iMac da 24 pollici.
RobotToborRobot non è solo un gioco di parole: Tobor, oltre a essere il palindromo (l’inversione) di Robot è anche il titolo di un film di fantascienza del ’54: Tobor-Il re dei robot. E se qualcuno avesse ancora dei dubbi su quanta infanzia Lopopolo stia mettendo in piazza al MIMUMO, ecco: nel micromuseo ci saranno anche tre quadretti di “Soldatini”: si prendono (quando si trovano, ormai) i soldati in plastica monocolore (vanno bene i marine, ma anche cowboy e indiani), si dispongono con gusto artistico in una dima quadrata, si prende la fiamma ossidrica e…

CONDIVIDI
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori