I film di Venezia e i Pardi di Locarno a Milano

Dal 19 al 27 settembre la 38° edizione di Le vie del cinema, i film Venezia 74, dal Locarno dal Nuovo Cinema di Pesaro e del Milano Film Festival 22

102
0

I cinefili sono già in allerta pronti ad affrontare la consueta maratona cinematografica milanese d’autunno. Panini, bibite, acqua minerale costituiscono il kit di sopravvivenza necessario per saltare da una sala all’altra spinti dalla curiosità di vedere il maggior numero di pellicole in programma nei nove giorni della manifestazione promossa da Agis Lombarda e dal Comune di Milano con il supporto del Corriere della Sera che propone 62 proiezioni di 36 film in 12 sale cinematografiche cittadine Anteo Palazzo del Cinema, Arcobaleno, Ariosto spazioCinema, Beltrade, Centrale Multisala, Mexico, Orfeo multisala, Palestrina, Plinius Multisala.

Dalla 74° Mostra di Venezia 7 film dal Concorso, il Leone d’Argento Gran premio della giuria Foxtrot di Samuel Maoz, il Leone d’Argento per la miglior regia e Leone del futuro Venezia Opera Prima Jusqu’a la garde di Xavier Legrand, la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile L’insulte di Ziad Doueiri, Angels Wear White di Vivian Qu, Ex libris – The New York Public Library di Frederick WisemanPremio Fipresci, La villa di Robert Guédiguian, The Third Murder di Hirokazu Kore-eda. Da Fuori Concorso si vedranno Happy Winter di Giovanni Totaro, Il colore nascosto delle cose di Silvio Soldini, La mélodie di Richard Hami, Le fidèle di Michaël R. Roskam, This is Congo di Daniel McCabe, Victoria & Abdul di Stephen Frears. Altre opere interessanti arrivano dalla sezione Orizzonti quali il film vincitore Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli, il premio per la miglior regia e per la migliore interpretazione maschile No Date no Signature di Vahid Jalilvand, il premio per la migliore interpretazione femminile Les bienheureux di Sofia Djama, Disappearance di Ali Asgari, Espèces menacées di Gilles Bourdos, Gatta Cenerentola di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario Sansone, La nuit où j’ ai nagé di Damien Manivel, Igarashi Kohei, The cousin di Tzahi Grad, The testament di Amichai Greenberg. E ancora dal 70° Locarno Festival Did you wonder who fired the gun ? di Travis Wilkerson, Gli asteroidi di Germano Maccioni, Madame Hyde di Serge Bozon, Pardo per la migliore interpretazione femminile a Isabelle Huppert; dalla 53° Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro The First Shot di Yan Cheng e Federico Francioni e in anteprima da Milano Film Festival Season 22 Columbus di Kogonada.

I link dei titoli portano alle nostre recensioni

 

CONDIVIDI
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.