Jazz Mi: 150 appuntamenti in 10 giorni

197
0
Jazz Mi
La prossima rassegna Jazz Mi andrà in scena a Milano dal 2 al 12 novembre. La prima edizione di Jazz Mi era partita l’anno scorso come una scommessa ambiziosa: rappresentare la storia e l’attualità di una musica complessa e in continua evoluzione come il jazz, invitando a Milano i protagonisti in un grande festival diffuso nella città. Una scommessa vinta che ha convinto tutti a replicare per portare il pubblico nei teatri, club, sale da concerto, gallerie d’arte e altri spazi diversificati in aree centrali e periferiche.
Contento Luciano Linzi, direttore artistico insieme a Titti Santini, che ha illustrato il programma durante una conferenza stampa affollata. Presenti anche alcuni artisti che suoneranno, tra questi Franco D’Andrea, uno dei massimi pianisti jazz.
Jazz Mi è prodotto da Triennale Teatro dell’Arte e Ponderosa Music & Art, in collaborazione con Blue Note Milano. Il grande jazz a Milano in cifre si esprime con oltre 150 eventi e con 500 musicisti coinvolti, tra questi nomi leggendari. Oltre alla musica anche tanto altro: 
libri, film, mostre, incontri con gli artisti, masterclass e narrazioni. 
I punti nevralgici dei concerti, come lo scorso anno, restano Triennale Teatro dell’Arte e Blue Note. Alla Triennale si esibiranno tra gli altri: Lee Konitz, Andrea Motis e Gabriel Royal, Shabaka & The Ancestors, Naturally 7, Nels Cline Lovers, Donny McCaslin, Rob Mazurek & Jeff Parker, Ghost Horse, Bill Frisell, Guano Padano, Gavino Murgia, Xamvolo, Gianluca Petrella, Ben L’Oncle Soul con il suo tributo a Sinatra, Mauro Ottolini, Makaya Mc Kraven, Franco D’Andrea, Harold Lopez Nussa e Francesco Bearzatti Tinissima Quartet. Ospiterà inoltre una mostra di fotografie di Pino Ninfa con le improvvisazioni al pianoforte di Enrico Pieranunzi.
In contemporanea la programmazione del Blue Note prevede i live di Stacey Kent, Al Di Meola, Mike Stern & Dave Weckl Band, Joe Lovano Classic Quartet, Maria Gadù e Kneebody.
Due grandi firme del panorama Jazz italiano, Stefano Bollani e Paolo Fresu, sono presenti con due progetti particolari. Il primo con una serata inedita interamente dedicata a Milano, sua città natale, che si svolgerà all’Auditorium La Verdi; il secondo accompagnato da Daniele Di Bonaventura, ospitato alla Pirelli HangarBicocca con Altissima Luce, un concerto dedicato al Laudario di Cortona, la più antica collezione di musica italiana, per la prima volta a Milano.
Ma Jazz Mi prevede concerti importanti anche in altre sedi, come Santeria Social Club, Base Milano, Spirit De Milan e Alcatraz. Il Teatro dal Verme vedrà esibirsi il pianista Brad Mehldau con Chris Thile, esponente della musica roots americana. 
Il Conservatorio aprirà le sue porte per il concerto del pianista canadese Chilly Gonzales & Kaiser Quartett, già applaudito a Milano in occasione della sua esibizione a Piano City 2017, e al sassofonista Jan Garbarek, in duetto con il versatile percussionista Trilok Gurtu. All’Alcatraz sono attesi i De La Soul, capostipiti del movimento hip hop e della black music moderna, oltre a Laura Mvula, nuova regina del R’n’B e del soul contemporaneo, e Mulatu Astatke con il suo ensemble africano. La Santeria Social Club ospiterà il 3 novembre il concerto della Sun Ra Arkestra diretta da Marshall Allen e il 7 novembre il duo inglese Binker & Moses. Allo Spirit de Milan gli italiani Chicago Stompers con il mitico Lino Patruno, al Masada il trio Thumbscrew in cui milita Mary Halvarson appena insignita di un Grammy. Al Mare Culturale Urbano il live della pianista francese Eve Risser, BASE Milano la festa swing degli Electric Swing Circus e l’eclettico ensemble Abraham Inc. con David Krakauer, Fred Wesley & SoCALLED.
Clicca qui per il calendario completo e altre informazioni. 
Jazz Mi
CONDIVIDI

Nato in Lombardia, prime collaborazioni con Radio Montevecchia e Re Nudo. Negli anni 70 organizza rassegne musicali al Teatrino Villa Reale di Monza. È produttore discografico degli album di Bambi Fossati e Garybaldi e della collana di musica strumentale Desert Rain. Collabora per un decennio coi mensili Alta Fedeltà e Tutto Musica. Partecipa al Dizionario Pop Rock Zanichelli edizioni 2013-2014-2015. È autore dei libri Anni 70 Generazione Rock (Editori Riuniti, 2005) e Che musica a Milano (Zona editore, 2014).