Stasera CasaMika. Tra colori, musica e felicità

382
0

Andrà in onda da martedì 31 ottobre, alle 21.20 su Rai2, la seconda edizione di Stasera CasaMika. Quattro serate per una varietà “di come se ne facevano una volta”. O, almeno, è questa la promessa del suo conduttore: «Vogliamo mandare un messaggio che continui nel tempo. Realizzare un programma con un format diverso dal talent show. Un viaggio nello spazio – visto che il programma è stato girato in diversi Paesi – e nel tempo».
Ad affiancare Mika in questa esperienza, Luciana Littizzetto: «Lo scorso anno ero molto incuriosita da questo show. Quando l’ho visto, l’ho trovato fantastico. E quindi, come ogni fan, ho fatto i miei complimenti a Mika, con un commento a una foto su Instagram. In famiglia siamo suoi grandi fan: abbiamo consumato tutti i suoi dischi». Un “amore platonico” che si è presto trasformato in collaborazione: «All’inizio ero molto sorpresa. Poi, appena ho conosciuto meglio lui e gli autori, subito mi sono sentita “a casa”. È una situazione molto diversa rispetto a quelle a cui sono abituata, ma c’è stato uno scambio reciproco: io mi sono adeguata a questo “caleidoscopio” e loro hanno accettato la mia “bestialità”».
E caleidoscopio è proprio la parola giusta: «È uno show senza regole», ci spiega Mika. «Parliamo a ruota libera di qualsiasi cosa, senza aver paura di toccare determinati temi. Ci saranno un sacco di ospiti, che hanno accettato con entusiasmo di partecipare a un programma particolare come questo. Avrei tanto voluto che venissero anche gli U2 e i 30 Seconds to Mars ma, purtroppo, non siamo riusciti ad arrivare a un accordo: gli U2, a causa dell’uscita del disco, e i 30 Seconds to Mars perché non erano in Italia in questo periodo».
Simpatia, allegria e talento: queste le carte che Mika si giocherà nella sua nuova avventura. Ma non solo… «Bisogna avere paura delle cose che si fanno, per farle bene. Ai giovani consiglio di non voler fare tutto subito, altrimenti poi si ritrovano nella merda. E poi voglio anche dire che spesso dalle cose noiose possono nascere delle cose belle, quindi vietato essere snob».

La video intervista a Mika:

CONDIVIDI

Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe ’93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all’Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia. Mi trovate anche su D.Repubblica.it, Amica.it, La Nuova Venezia, il Mattino di Padova e la Tribuna di Treviso.