Netflix “licenzia” Kevin Spacey dopo le accuse di molestie sessuali

171
0

“Netflix non sarà coinvolta in nessuna futura produzione di House of Cards che includa Kevin Spacey”. Queste le parole che l’azienda ha usato nel comunicato per “licenziare” Kevin Spacey, dopo che negli ultimi giorni l’attore era stato accusato di violenze sessuali ai danni di diversi uomini. Oltre a questo, Netflix ha annunciato di aver interrotto la produzione di Gore, film dedicato allo scrittore Gore Vidal e che avrebbe visto la partecipazione di Spacey.
Nel pieno dello “scandalo Weinstein”, Spacey era stato accusato dell’attore Anthony Rapp di molestie nel 1986, quando Rapp aveva appena 14 anni. Parole a cui hanno fatto seguito le accuse di altri attori, otto dei quali coinvolti proprio in House of Cards.

CONDIVIDI

Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe ’93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all’Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia. Mi trovate anche su D.Repubblica.it, Amica.it, La Nuova Venezia, il Mattino di Padova e la Tribuna di Treviso.