Thor Ragnarok. N’apocalisse

Thor gladiatore, Odino pensionato, Loki reggente, arriva Hela. Sarebbe da ridere

20
0

Thor Ragnarok
di Taika Waititi
con Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Cate Blanchett, Idris Elba, Jeff Goldblum
Voto: è uno scherzo

Thor torna ad Asgaard e scopre che Loki ha messo in un ospizio terrestre il padre Odino. Hela, dea della morte, e sorella dei due, torna per vendicarsi. Thor finisce, dopo un taglio di capelli, che è la vera novità del film, a combattere in una specie di arena galattica che ruba gladiatori dai loro pianeti per scoprire che la dialettica tra lui e Hulk è un po’ alla Stanlio e Ollio a che la polarità tra lui e Loki è degna di Gianni e Pinotto. Il tutto, già demenziale, è trattato con un linguaggio da sitcom. Mancano le risate finte degli spettatori fantasma, Insomma, questo episodio (questo tassello del progetto generale, diciamo) l’hanno messo drasticamente sul gasato con tante gomitatine al lettore e allo spettatore dell’universo dei supereroi Marvel che si preparano alle Avengers: Infinity Wars previste per il 2018/2019. Ogni scena un effetto speciale, una battuta, una barzelletta, un riferimento pop. Un progetto quasi d’avanguardia: mettere l’uomo forzuto che fa battute da screwball comedy in un caos (casino?) da cinema di perifera di un tempo. Molto kitsch, molto, troppo volutamente superficiale. Chissà, magari piace. Ah, il Ragnarok è il crepuscolo degli dei delle saghe nordiche.

CONDIVIDI

Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori