Cranio Randagio. A un anno dalla morte la mamma chiede la verità

274
0
Cranio Randagio

Un anno fa, il 12 novembre 2016, durante una festa a casa di amici moriva Vittorio Bos Andrei, in arte Cranio Randagio. La notizia ebbe una forte eco mediatica, anche perché quel ragazzo di soli 22 anni era stato a un passo dal partecipare all’ultima edizione di X Factor.
Un anno dopo, la signora Carlotta Mattiello, madre di questo giovane rapper che stava iniziando a farsi un nome nella scena romana, con una lunga lettera indirizzata al Corriere della Sera e pubblicata oggi, ricostruisce la vicenda e chiede con forza come mai le indagini non hanno portato a niente. Pone agli inquirenti una lunga serie di domande: «Chi c’era in quella casa quella notte? Mio figlio si è accasciato o non si è mai risvegliato? Hanno prima ripulito la casa o prima si sono preoccupati di Vittorio? È entrata in quella casa la Scientifica? A che ora è morto? Poteva essere salvato? Hanno preso anche gli altri le stesse sostante di mio figlio?» .
A queste ed altre domande nessuno ha mai dato risposte. E la signora Mattiello commenta che trova «immorale l’omertà di chi era con lui, ragazzi di 20 anni come lui, che hanno pensato a ripulire la casa (…) e hanno negato qualunque tipo d’informazione».
Lei non ci sta a far passare lo stereotipo del «rapper tossico» e tutti i laghi comuni legati a questa immagine. Dalla lettura della lettera, traspare che la sua non è voglia di vendetta, ma la giusta richiesta di sapere come sono andate effettivamente le cose. Anche perché è «incivile che chi ha il potere insegni a questi ragazzi che si può fare quello che si vuole nella vita, senza che accada nulla». Parole sacrosante!

CONDIVIDI

Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: “Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi”.