Voglio vivere così. Evento speciale dedicato a Giovanni D’Anzi

Mercoledì 15 novembre ore 21 al MIC – Museo Interattivo del Cinema una serata dedicata all’autore e compositore milanese Giovanni D’ Anzi fra film, racconti e musica live

21
0

“In questa galleria c’era una volta un Re. Scrisse magiche note e la più dolce serenata la cantò per Milano”. Una targa nella centralissima Galleria del Corso a Milano ricorda Giovanni D’anzi, autore della celebre Oh mia bela Madonina e altre 1.200 melodie che hanno contribuito a far amare la canzone italiana nel mondo. Al compositore, nato nel capoluogo lombardo il 1° gennaio 1906 e morto a Santa Margherita Ligure il 15 aprile 1974, l’Associazione culturale Donne della realtà ha dedicato il primo numero del proprio trimestrale cartaceo, raccontando con immagini e testimonianze inedite un altro grande successo, La gagarella del Biffi Scala, brano del 1941 scritto con Alfredo Bracchi, che ”fotografa” il desiderio di libertà e di vita delle ragazze in un momento storico in cui in Italia le conseguenze distruttive dell’entrata in guerra non si era ancora manifestate. La serata dedicata a D’Anzi, che è stato anche autore di colonne sonore, prevede la proiezione del film Voglio vivere così di Mario Mattoli del 1942, storia di un giovane contadino dotato di una voce magnifica che riceve l’invito a presentarsi in un grande teatro per essere scritturato. In realtà l’invito è uno scherzo fattogli dal cugino, ma poi il destino saprà ripagarlo… Il film è noto per la splendida colonna sonora e per l’omonima canzone scritta da Giovanni D’Anzi e Tito Manlio.  Prima della proiezione la giornalista Paola Ciccioli racconterà il suo incontro con la cantante, attrice e doppiatrice Liliana Feldmann, grande amica del maestro D’Anzi, mentre il chitarrista Luca Bartolomei suonerà e canterà Ma l’amore no e altre quattro famosissime canzoni composte dal Re di Milano accompagnato al flauto da Alessandro Sabina.

CONDIVIDI

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.